Omicron, il Ministero alle Regioni: "Rafforzare il tracciamento"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Omicron, il Ministero alle Regioni: “Rafforzare il tracciamento”

esami analisi vetrino guanti mani provette

Circolare delle ministero della Salute alle Regioni sulla variante Omicron: “Rafforzare il tracciamento”.

ROMA – Il ministero della Salute ha inviato una circolare alle Regioni per chiedere un rafforzamento del tracciamento dopo la scoperta della variante Omicron. “In via precauzionale – si legge nel documento citato dall’Ansasi chiede di monitorare con attenzione e sequenziare in caso di viaggiatori provenienti da Paesi in caso di focolai caratterizzati da un rapido e anomalo incremento di casi […]“.

Come fare soldi? 30 idee semplici per guadagnare

Il direttore Rezza, inoltre, ha invitato i governatori ad “intervenire tempestivamente e scrupolosamente sui cluster con le misure già previste per la variante Delta“.

Rezza: “Si temono effetti sui vaccini”

Sempre nella circolare è stato precisato come “si teme che l’elevato numero di mutazioni registrate sulla proteina spike possa portare ad un cambiamento significativo delle proprietà antigeniche del Covid, ma fino a questo momento non sono state effettuate caratterizzazioni virologiche e, soprattutto, non ci sono prove di modificazione nella trasmissibilità, gravità o nella possibilità di bucare il vaccino“.

Gli studi su questa nuova variante sono in corso e ci vorrà ancora del tempo per conoscere meglio la nuova mutazione registrata per la prima volta in Sud Africa.

Provetta
Provetta

La variante Omicron in Europa

La variante Omicron è arrivata in Europa. I primi casi sono stati registrati in Belgio e Olanda, ma anche la Gran Bretagna ha isolato la nuova mutazione. Possibili positivi in Germania e Repubblica Ceca mentre in Italia, al momento, non sono stati trovati casi del nuovo virus.

Sono in corso tutti gli accertamenti e nei prossimi giorni sono attese novità. L’assenza di questa variante nel nostro Paese potrebbe essere legata all’assenza dei voli diretti verso i Paesi che hanno registrato la mutazione, ma si preferisce aspettare gli ultimi sequenziamenti anche per avere la certezza della non presenza in Italia della Omicron.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 27 Novembre 2021 16:45

“La mer… che ci sta sotto che non si può dire”: le intercettazioni del caso Juve

nl pixel