Venduta la quota di Niki Lauda della Mercedes. Gli eredi dell’ex pilota hanno deciso di cedere il 10% ad un investitore anonimo.

ROMA – Venduta la quota della Mercedes di Niki Lauda. Come scrive l’edizione odierna (28 novembre) del Corriere dello Sport, gli eredi del pilota non hanno deciso di continuare la sua esperienza con il team anglo-tedesco. Il 10% acquistato nel 2013 è stato ceduto ad un investitore anonimo. Al momento non è chiaro chi è l’imprenditore che ha deciso di entrare nella scuderia campione del mondo. Nelle prossime ore si saprà qualcosa in più ma una cosa è certa: non si tratta di Toto Wolff che ha già il 30% delle azioni.

La Mercedes cambia?

La Mercedes cambia? L’acquisto del 10% di azioni di Niki Lauda apre a due scenari. Il primo è quello di un nuovo investitore che è entrato nella scuderia anglo-tedesca con l’obiettivo di diventare socio di maggioranza nel giro di pochi anni.

Non possiamo escludere, inoltre, la possibilità di un aumento delle quote da parte di Daimler. Il gruppo detiene il 60% e potrebbe aver acquistato il 10% che prima apparteneva a Niki Lauda. Nelle prossime settimane saranno svelati i dettagli di questa operazione conclusa nei giorni scorsi.

Lewis Hamilton Sochi
fonte foto https://twitter.com/MercedesAMGF1

Hamilton resta in Mercedes?

Il cambio di assetto in Mercedes potrebbe portare alla conferma di Lewis Hamilton. Il britannico ha un contratto in scadenza nel 2020 e Toto Wolff è al lavoro per il rinnovo. L’ipotesi Ferrari resta possibile ma la Rossa prima deve dire addio a Vettel.

Il 2021 resta l’anno della rivoluzione in questo sport non solo per le vetture ma anche per i piloti. Basta muovere una pedina per iniziare un puzzle che dovrebbe portare ad un cambio del roster. Hamilton e Verstappen i due aghi della bilancia di questi cambi con Vettel che potrebbe finire in Red Bull.

fonte foto copertina https://twitter.com/MercedesAMGF1

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
economia Mercedes motori Niki Lauda

ultimo aggiornamento: 29-11-2019


Che cos’è il Black Friday

Plastic tax giù del 70 per cento