Donna uccisa in casa a Verona, fermato un uomo: stava viaggiando in autostrada, si pensa ad una fuga. Avrebbe reso dichiarazioni spontanee dopo il fermo.

Giallo Calmasino di Bardolino, Verona, dove una donna di 27 anni è stata trovata morta in casa, probabilmente uccisa, almeno stando agli ultimi sviluppi delle indagini. A lanciare l’allarme è stato il compagno della 27enne, che ha trovato il corpo della giovane riverso a terra, a pancia in giù. Nella notte tra domenica e lunedì le forze dell’ordine hanno arrestato un uomo, sospettato dell’omicidio della ragazza. Stando a quanto appreso, il soggetto stava fuggendo in autostrada.

Calmasino, Verona: donna di 27 anni uccisa in casa

La vittima si chiama Chiara Ugolini, 27 anni. A trovare il corpo della giovane è stato il fidanzato, che ha immediatamente allertato i soccorritori e le forze dell’ordine. La ragazza era a terra, a pancia in giù. In un primo momento si era parlato di un giallo e qualcuno aveva ipotizzato anche un incidente domestico.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Carabinieri
Carabinieri

Fermato un uomo

Senza escludere alcuna ipotesi, i sospetti degli inquirenti si sono concentrati su un vicino di casa della vittima. Un uomo con precedenti penali e che risultava irraggiungibile.

Nella mattinata di lunedì è emersa la notizia del fermo di un uomo, sospettato della morte della ventisettenne. Si tratta del vicino di casa della vittima. Il soggetto, che viaggiava in autostrada a bordo di una moto, è stato fermato dalla Polizia Stradale. Secondo le notizie raccolte, ancora non confermate in via ufficiale, il soggetto avrebbe confessato dopo il fermo. L’uomo avrebbe reso dichiarazioni spontanee alla presenza degli agenti della Polizia e dei carabinieri.

L’uomo era uscito di galere nel mese di giugno per due rapine messe a segno nel 2006. Era a casa per l’affidamento in prova ai servizi sociali.

La ricostruzione

L’ipotesi al vaglio degli inquirenti è quella dell’aggressione a sfondo sessuale. L’assassino sarebbe entrato dal balcone e avrebbe aggredito la vittima che si sarebbe difesa. Stando a quanto raccolto e riferito dall’Ansa, la ragazza aveva in bocca uno straccio imbevuto di candeggina o comunque detersivo. L’Ansa riferisce inoltre che la ragazza non avrebbe subito violenza sessuale.


Covid, 49enne morto dopo la seconda dose del vaccino Moderna

Green Pass a scuola, professoressa contraria alla certificazione si licenzia