Vertice Italia-Francia su Alitalia. Il ministro Giorgetti a Le Maire: “Lavorare tutti insieme per far partire Ita in tempi utili”.

ROMA – Vertice Italia-Francia su Alitalia. Il ministro Giorgetti ha incontrato Bruno Le Maire per fare il punto su diversi dossier. Uno dei temi sul tavolo è stato quello dell’ormai ex compagnia di bandiera. Il titolare del Mise ha ribadito la necessità di far partire il prima possibile Ita.

Giorgetti: “Vogliamo far partire Ita il prima possibile”

Il ministro Giorgetti ha confermato l’intenzione del Governo di far ripartire il prima possibile l’ex compagnia di bandiera. “Abbiamo avuto due incontri con Vestager – ha detto il titolare del Mise, riportato dall’Ansa c’è tutta l’intenzione di compiere il passaggio e far nascere la nuova Ita entro l’estate […]. Il nostro auspicio è che si esca da questa situazione di lockdown prima dell’estate e che Ita possa cogliere tutte le opportunità di mercato che si apriranno“.

E sul ruolo dell’Europa ha ribadito: “Chi non contribuisce a far partire Ita in tempi utili lavora contro gli interessi di Ita, dei lavoratori e dell’Italia“. Un chiaro messaggio inviato al ministro Le Maire su un possibile intervento da parte della Francia contro Alitalia.

Alitalia
Alitalia

Il progetto Alitalia

Il progetto di Alitalia è da giorni sul tavolo del premier Draghi. L’accelerazione è avvenuta negli ultimi giorni con un doppio incontro con l’Unione Europea per illustrare meglio il progetto e capire come muoversi per far ripartire l’ormai ex compagnia di bandiera.

L’obiettivo che si è posto il ministro Giorgetti è quello di far partire Ita entro giugno o luglio per ‘sfruttare’ l’estate e la ripartenza del turismo. I dubbi non mancano nei prossimi giorni si avranno ulteriori incontri con Bruxelles per limare gli ultimi dettagli e consentire una ripresa dell’ex compagnia di bandiera anche se con numeri ridotti rispetto al passato.


Dalle cartelle esattoriali ai vaccini, cosa prevede il decreto Sostegno

Draghi presenta il decreto Sostegni: “Una risposta consistente alla povertà. Più soldi e in tempi più rapidi”