Si è concluso il vertice Nato. Nella dichiarazione finale i leader hanno garantito “l’impegno per aumento delle risorse”. Trump annulla la conferenza finale.

LONDRA (INGHILTERRA) – Il vertice Nato si è concluso nel primo pomeriggio di mercoledì 4 dicembre 2019. Non è mancata la tensione tra i leader con Donald Trump finito nel mirino dei suoi colleghi. In particolare è stato il premier canadese, Justin Trudeau, a schernire l’ex tycoon dopo l’incontro con Macron.

Era in ritardo – ha detto in un video che è diventato subito virale sui social il primo ministro di Montreal – perché ha fatto una conferenza stampa di 40 minuti fuori programma“. Non è mancata la risposta dell’ex tycoon che lo ha definito come un uomo con una “doppia faccia”.

Vertice Nato, la dichiarazione finale

Al termine della due giorni i leader, compreso Donald Trump, ha firmato una dichiarazione finale confermando “l’impegno per l’incremento di risorse, sulle sfide della tecnologia e per un atteggiamento di forte deterrenza“. Non manca un passaggio sul dialogo con la Russia che ci sarà nei prossimi mesi e soprattutto per la prima volta è stata messa come oggetto di attenzione la Cina.

Non ci dovrebbe essere la conferenza finale di Donald Trump. Il presidente americano è stato protagonista di diversi vertici ma non dovrebbe parlare con i giornalisti al termine della giornata.

Incontro bilaterale tra Conte e Trump

L’ultimo incontro di giornata è quello tra Giuseppe Conte e Donald Trump. Un bilaterale per discutere della situazione economica dei due Paesi e cercare di evitare i dazi, minacciati negli ultimi giorni da Washington. Non ci dovrebbe essere nessuna conferenza stampa congiunta al termine del vertice.

Non escludiamo un incontro con i giornalisti del premier italiano che in serata tornerà in Italia per affrontare altri temi molto importanti per il futuro del nostro Paese.

fonte foto copertina https://twitter.com/RoyalFamily

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
evidenza Nato politica primo piano vertice nato

ultimo aggiornamento: 05-12-2019


Mes, Eurogruppo gela l’Italia: “Non esistono motivi per riaprire il testo”

Mes, slitta l’approvazione della riforma