Il nuovo vertice sulla manovra si è concluso con un nulla di fatto. Iv conferma: “No le tasse sulla plastica e sulle auto aziendali”.

ROMA – Fumata nera al vertice sulla manovra che si è svolto a Palazzo Chigi. Nel pomeriggio di giovedì 5 dicembre 2019 è stata convocata una riunione per cercare di trovare l’accordo su alcune riforme ma c’è stato un nulla di fatto. Il premier Giuseppe Conte è stato costretto a riunire i suoi dopo la polemica di Iv, intenzionata e eliminare le tasse sulla plastica e sulle auto aziendali. Le parti sono tornate al tavolo della trattative il 6 dicembre, senza trovare una sintesi.

I partiti si sono dati nuovamente appuntamento al 6 dicembre per provare superare l’impasse. I nodi da sciogliere restano plastic e sugar tax oltre che l’imposta inserita sulle tasse aziendali. Italia Viva ha chiesto la cancellazione definitiva di questi provvedimenti anche se Palazzo Chigi frena: “Siamo tutti d’accordo che dobbiamo fare uno sforzo per ridurre la tassazione“.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Il pugno duro di Italia Viva

No alla plastic tax e alle imposte sulle auto aziendali. E’ questa la posizione di Italia Viva che nella mattinata del 5 dicembre ha annunciato un emendamento abrogativo di questi due provvedimenti. Immediata la reazione di Palazzo Chigi che ha convocato un vertice di maggioranza per riuscire a risolvere l’impasse.

Ma la riunione si è conclusa con un nulla di fatto. Il partito di Matteo Renzi, infatti, non ha accettato il compromesso di ridurre la tassazione con le parti che sono tornate a confrontarsi, ancora senza successo, la mattina del 6 dicembre.

Palazzo Chigi
Palazzo Chigi

I nodi da sciogliere

I nodi più importanti sembrano essere proprio questi tre. Da parte di Italia Viva il no alle tasse sulla plastica, sui prodotti dolci e sulle auto aziendali sembra essere definitivo anche se Palazzo Chigi continua a sperare in un compromesso.

L’eliminazione di questi provvedimenti, infatti, metterebbe a rischio la maggior parte della legge di bilancio vista l’assenza di coperture. Da Italia Viva è arrivata la proposta di procedere con una riforma strutturale che possa attingere anche dai fondi stanziati per il reddito di cittadinanza, una provocazione per il MoVimento che fa muro.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 06-12-2019


Il piano di Autostrade: “500 milioni di euro per gli interventi di manutenzione nei prossimi due anni”

Rapporto Censis 2019,siamo nel paese dell’incertezza. Italiani stressati e diffidenti