Rivoluzione green, 27 società chiedono all’Ue di vietare la vendita di auto a benzina e diesel entro il 2035. Stop anche alle ibride.

Arriva da 27 grandi aziende la richiesta di spingere verso l’elettrico: le 27 aziende in questione hanno scritto alla Commissione europea chiedendo di vietare la vendita di auto a benzina e diesel entro il 2035 per procedere con la vendita di aut elettriche. Anche le ibride rientrano nel gran taglio richiesto dalle società.

Vietare la vendita di auto benzina, diesel e ibride entro il 2035: la richiesta di 27 società all’Ue

Hanno aderito alla richiesta aziende del calibro di Sky, Coca Cola, Uber, Volvo ed Enel X, tanto per citare alcune delle 27 società che hanno scritto alla Commissione europea, al Parlamento Ue e ai governi degli Stati membri chiedendo di vietare la vendita di auto benzina e diesel entro il 2035 per passare esclusivamente alla vendita di auto elettriche. La richiesta è quella di sospendere anche la vendita di auto ibride, che hanno rappresentato la fase intermedia tra la motorizzazione tradizionale e l’elettrico.

Targa verde auto elettriche
Targa verde auto elettriche

Una legislazione ambiziosa sul clima

Le 27 società evidenziano gli effetti positivi che si raggiungerebbero se l’Unione europea approvasse questa proposta.

“Quest’anno i legislatori europei devono concordare una nuova e più ambiziosa legislazione sul clima, per garantire che l’Ue faccia la sua parte nel dimezzare le emissioni globali entro questo decennio. Fissare un obiettivo di CO2 per i costruttori di veicoli a 0 grammi per chilometro entro il 2035 sancirebbe l’eliminazione graduale delle auto a benzina e diesel (compresi gli ibridi)”, si legge nell’appello aperto a qualunque azienda interessata a prendere parte alla campagna.

La corsa verso le auto elettriche

È evidente che al momento le auto a motorizzazione tradizionale frenino le vendite delle auto elettriche, posticipando la rivoluzione green. Le macchina a diesel e benzina sono disponibili a prezzi decisamente più vantaggiosi rispetto alle elettriche anche se qualcosa sta cambiando sul mercato, con i prezzi delle elettriche che iniziano ad appiattirsi. Il secondo problema è legato all’insicurezza. In Italia ad esempio le colonnine elettriche rappresentano una sorta di miraggio per gli automobilisti in buona parte del Paese.


Il Financial Times incorona Mario Draghi ma l’Italia “delinquente” è uno scivolone

MotoGP, orari e info streaming del GP di Spagna