L’inchiesta della Procura della Repubblica di Torre Annunziata, avrà il compito di far luce su quanto accaduto alla piccola Vittoria Scarpa.

Vittoria Scarpa aveva solo 5 anni. La piccola è morta ieri, a mare, in quel di Torre Annunziata, località dove si trovata, insieme alla madre e alla sorella di soli 4 mesi. In queste ore, alcuni testimoni saranno chiamati a fornire la propria versione dei fatti.

Le indagini degli investigatori, moderate dai Carabinieri, tenteranno di approntare una oggettiva ricostruzione, circa lo scarto temporale di due ore ( 12/14), durante il quale, la piccola Vittoria sarebbe scomparsa nel nulla.

Pare che nessuno, al Lido Risorgimento, luogo dove è avvenuto il dramma, si sarebbe accorto che la piccola fosse in acqua. Le verifiche per scongiurare qualsiasi sospetto, verranno eseguite anche sui bagnini. Questi erano presenti? Quanti? E dove si trovavano, nell’istante in cui Vittoria moriva in acqua?

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La tragedia di Torre Annunziata

Il Comune di Torre Annunziata, intanto, ha proclamato il lutto cittadino. Nel Comune del centro, in provincia di Napoli, sono stati archiviati tutti gli eventi in programma. Gli stabilimenti balneari restano chiusi, a causa del profondo cordoglio per la piccola, morta in mare.

Ambulanza
Ambulanza

La famiglia di Vittoria è distrutta e la comunità tutta, ha deciso di starle accanto, in questo momento così tragico e scioccante. Sì, perchè come si può mai spiegare, il dolore disumano e innaturale, provocato dalla perdita di un figlio. La madre di Vittoria è stata accanto alla sua piccola, fino all’ultimo respiro. Una battaglia disperata, che ha contato i secondi, finchè l’ambulanza di Vittoria, ha raggiunto il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Castellammare di Stabia. E proprio lì, il cuore della piccola ha smesso di battere.

Il corpo di Vittoria sarà oggetto di autopsia, a seguito dei funerali.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 12-06-2022


Palermo, pestata da un gruppo di ragazzini omofobi

Gianluca Loprete: il ragazzo che ha fatto a pezzi suo padre