Il direttivo M5s si voterà sulla piattaforma SkyVote. Il nuovo strappo di Crimi nei confronti di Grillo.

ROMA – Il direttivo M5s si voterà sulla piattaforma SkyVote. Come riportato da La Repubblica, il capo politico del MoVimento Vito Crimi ha comunicato al Garante di aver avviato le pratiche per far votare il comitato sulla piattaforma indicata da Conte e non su Rousseau come chiesto da Grillo.

Nelle prossime settimane potranno essere presentate le candidature ma nella mail sono presenti le indicazioni anche per le verifiche dei requisiti e lo svolgimento della votazione. Una decisione presa da Crimi che rischia di creare un ulteriore strappo all’interno del MoVimento.

Il tentativo di mediazione di Di Maio

E’ stata una giornata molto lunga in casa M5s. Di Maio ha incontrato l’ex premier Conte per capire i margini di manovra per ricucire lo strappo con Grillo. La situazione, però, non è cambiata e sembra essere davvero difficile un accordo tra il papà del MoVimento e l’avvocato pugliese.

Il confronto molto probabilmente proseguirà nelle prossime ore per cercare di evitare la separazione. La mossa di Crimi, però, rischia di spaccare ancora di più il Movimento e, al momento, l’ipotesi più probabile resta quella della separazione delle due strade per poi dare la parola agli esponenti pentastellati.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Cinquestelle divisi

Una frattura che rischia di spaccare il MoVimento. Da una parte ci sono i contiani che si sono detti pronti a seguire l’ex premier in questa nuova avventura. Dall’altra ci sono quelli che hanno confermato la propria fiducia al fondatore e non sembrano avere intenzione di lasciare il partito.

Una situazione continua ad essere molto incerta e le prossime ore saranno fondamentali. E non è esclusa una conferenza stampa da parte dell’ex premier per spiegare i motivi della sua scelta in caso di separazione con i pentastellati.


Draghi, “Dobbiamo fronteggiare l’emergere di nuove e pericolose varianti del virus”

Violenze nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, Bonafede nella bufera: “Andava fatta un’ispezione”