WhatsApp, aggiornamento dei termini sulla privacy: cosa cambia dal 15 maggio se non accettiamo le nuove condizioni.

Dopo la polemica degli ultimi mesi, torna alla ribalta la discussione sui nuovi termini sulla privacy di WhatsApp che saranno reintrodotti dal 15 maggio: ma che cosa succede agli utenti che non accetteranno i nuovi termini?

L’Informativa sulla privacy di WhatsApp. Cosa cambia

La privacy e la sicurezza dei messaggi personali e delle chiamate non cambiano. Né WhatsApp né Facebook possono leggere i tuoi messaggi personali o ascoltare le tue chiamate perché sono protetti dalla crittografia end-to-end. Questa misura di sicurezza non verrà mai indebolita e, all’interno di ciascuna chat, è presente un’etichetta in cui ribadiamo il nostro impegno“, comunica la società sul proprio sito.

“Stiamo cercando di migliorare ulteriormente i servizi a disposizione degli oltre 175 milioni di utenti che ogni giorno inviano messaggi agli account business. Questi aggiornamenti, che riguardano le funzioni facoltative di messaggistica business, rientrano nel più ampio progetto di WhatsApp volto a rendere l’interazione tra privati e aziende più efficace, sicura e semplice, prosegue la nota.

In seguito all’aggiornamento per le aziende dovrebbe essere più semplice fornire assistenza ai propri clienti e per i clienti dovrebbe essere più facile trovare le aziende.

gruppi WhatsApp
Fonte foto copertina: pixabay.com/it/illustrations/whatsapp-comunicazione-smartphone-1357489/

Aggiornamento WhatsApp, che succede dal 15 maggio. Nessuna limitazione per chi non accetta le nuove condizioni

Una risposta più o meno esaustiva arriva dalle FAQ della società. L’utente potrà continuare a inviare messaggi e ad usare tutte le funzionalità dell’applicazione di messaggistica istantanea, almeno in un primo momento.

WhatsApp chiarisce quindi che i profili degli utenti che non accetteranno l’aggiornamento dei termini sulla privacy non saranno cancellati dal 15 maggio. Questi utenti riceveranno un promemoria da parte dell’applicazione con la quale si inviterà ad accettare i nuovi termini.

L’applicazione continuerà a funzionare ma si spegnerà nel corso delle settimane, con gli utenti che perderanno progressivamente alcune funzionalità dell’applicazione.

Nello specifico, in un primo momento l’utente potrà continuare ad inviare messaggi me non avrà più a disposizione la lista delle chat. In questa fase intermedia sarà ancora possibile rispondere a chiamate vocali ed effettuare chiamate vocali. Nel giro di qualche settimana l’applicazione diventerà inutilizzabile e non si potranno neanche inviare o ricevere i messaggi.

Alla fine del mese di maggio WhatsApp ha comunicato che non ci saranno limitazioni per gli utenti che non accetteranno le nuove regole sulla privacy. Con un inaspettato cambio di rotta, la società ha comunicato che non ha in programma di “limitare la funzionalità per coloro che non hanno ancora accettato l’aggiornamento“. La società comunica che continuerà a ricordare agli utenti la possibilità di procedere con l’aggiornamento.

Secondo molti WhatsApp ha deciso di fare un passo indietro per evitare che una fuga di utenti verso altre applicazioni di messaggistica istantanea.


Processo Ilva, fratelli Riva condannati per disastro ambientale. Condannato Vendola

E’ morto il regista e sceneggiatore Peter Del Monte