La mossa di Zelensky: il Presidente chiede che l’Ucraina entri a far parte dell’Unione europea. Michel: “Posizioni differenti in Ue”.

Arrivati al quinto giorno della guerra in Ucraina, il presidente Zelensky ha chiesto che il Paese entri a far parte dell’Unione europea. Una mossa a sorpresa, quella del presidente ucraino, che cerca protezione e legittimazione. E in effetti una mossa di questo tipo porterebbe ad una rottura definitiva con Mosca e costringerebbe l’Ue a scendere in campo da diretta interessata in questa crisi.

Impossibile non sottolineare il fatto che Zelensky abbia avanzato questa richiesta a poche ore dall’inizio del vertice tra la delegazione ucraina e la delegazione russa, al lavoro per arrivare alla fine della guerra. Il presidente ucraino è consapevole del fatto che quelle messe sul piatto dalla Russia saranno condizioni tendenzialmente inaccettabili, quindi cerca una via di fuga. E la via di fuga potrebbe essere l’ingresso dell’Ucraina nell’Unione europea.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Zelensky chiede che l’Ucraina entri nell’Unione europea

È un momento cruciale per chiudere una volta per tutte l’annoso dibattito e decidere sull’adesione dell’Ucraina all’Ue“, sono le parole di Zelensky. “Ho parlato con il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, di ulteriore assistenza concreta e della battaglia eroica degli ucraini per il loro futuro libero“, ha aggiunto il Presidente ucraino.

Michel ha confermato che Zelensky ha avanzato la richiesta ma ha anche specificato che in Ue ci sono posizioni differenti circa l’ingresso dell’Ucraina nell’Unione europea.

Volodymyr Zelensky
Volodymyr Zelensky

La (scomoda) posizione dell’Unione europea

Per Bruxelles e gli Stati membri la situazione è tutt’altro che semplice. Respingere la richiesta dell’Ucraina significa di fatto perdere la faccia. L’Unione europea direbbe di essere ben disposta a finanziare la guerra contro la Russia ma di non essere disposta ad accogliere al suo interno un Paese in difficoltà, assediato dal nemico. D’altro canto accogliere l’Ucraina significa ereditare la guerra con la Russia, scenario con conseguenze militari ed economiche che non possono essere sottovalutate.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 28-02-2022


La Svizzera abbandona la sua storica neutralità: sanzioni alla Russia

Perché Abramovich ‘lavora’ come mediatore nella trattativa tra Russia e Ucraina