Nicola Zingaretti avverte il governo: “In bici stai in piedi se pedali, se poggi i piedi a terra è la palude”.

Intervenuto ai microfoni de TG2 Post, il Segretario del Partito democratico Nicola Zingaretti torna in pressing sul governo per quanto riguarda la gestione dei fondi che arriveranno dall’Unione europea.

Nicola Zingaretti
Nicola Zingaretti

Zingaretti, “Non è un sogno poter ricostruire l’Italia”

Il Segretario dem ricalca le dichiarazioni del premier Conte quando afferma che con i fondi europei il governo non deve lavorare per ricostruire l’Italia pre-coronavirus, ma deve rilanciare il Paese.

“La grande novità positiva è che all’improvviso abbiamo centinaia di miliardi di euro da spendere per creare lavoro e non restaurare l’Italia ma fare un’Italia nuova”.

Inevitabile poi un riferimento alla scuola, che il 14 settembre ha riaperto i cancelli a più di cinque milioni di studenti.

“Investire sulla scuola, con un grande piano, nuovi istituti scolastici all’avanguardia, non è un sogno perché ci sono le condizioni per farlo diventare realtà. Non è un sogno poter ricostruire l’Italia”.

Nicola Zingaretti
Nicola Zingaretti

Il monito al Governo: “In bici stai in piedi se pedali, se poggi i piedi a terra è la palude”

Nel corso del suo intervento Zingaretti ha ribadito un concetto espresso anche nei giorni scorsi: il governo deve fare. È questa la condizione perché il Pd possa restare al governo.

“Lo confermo assolutamente: in bici stai in piedi se pedali, se poggi i piedi a terra è la palude. Il governo deve fare”.

L’appello di Zingaretti non avrebbe fatto piacere a diversi membri dell’esecutivo, secondo cui il governo in effetti non avrebbe mai smesso di correre e di lavorare per rilanciare il Paese.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Nicola Zingaretti pd politica primo piano recovery fund Ultima Ora

ultimo aggiornamento: 15-09-2020


Vertice a Palazzo Chigi, Governo soddisfatto per la ripresa della scuola

Visita a sorpresa del premier Conte in un liceo di Norcia: ‘Se perdiamo la sfida avete il diritto di mandarci a casa’