Il 21 maggio 2000 i Carabinieri sono diventati forza armata autonoma. Fino a quel momento, le Benemerita era inquadrata all’interno dell’Esercito.

Ventuno anni fa l’Arma dei Carabinieri si staccava per sempre dall’Esercito. Era infatti il 21 maggio 2000 quando la Benemerita si rendeva autonoma.

Quarta forza armata

E’ stato l’articolo 1 della legge delega 31 marzo 2000, n. 78 con il quale i carabinieri vennero elevati a una “collocazione autonoma nell’ambito del Ministero della difesa, con il rango di forza armata, e forza militare di polizia a competenza generale“, con successiva emanazione del D. Lgs. 5 ottobre 2000, n. 297. Questo ne ha consentito la partecipazione alle missioni militari italiane all’estero, non più esclusivamente con funzioni di polizia militare.
Tra le conseguenze del provvedimento, quello che il comandante generale dei carabinieri potesse provenire dalle proprie fila mentre in precedenza doveva essere scelto da ufficiali generali in possesso di particolari caratteristiche provenienti dall’Esercito. Il primo comandante generale, proveniente dalle sue stesse fila, è stato nel 2004 il generale di corpo d’armata Luciano Gottardo.

Carabinieri
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/carabinieri.it

La nascita dei Carabinieri

Il corpo è stato fondato il 13 luglio del 1814 nel Regno di Sardegna. Dopo l’unità d’Italia entrò a far parte delle forze armate italiane del Regno d’Italia prima e della Repubblica Italiana successivamente. A oggi conta circa 109 mila effettivi. Nell’ottobre 2016, con l’assorbimento del Corpo forestale dello Stato, avvenuto ufficialmente il 1º gennaio 2017 (sono stati esclusi i Corpi Forestali Regionali delle 5 Regioni a statuto speciale) nasce il Comando unità per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare alle dipendenze del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali.


Medio Oriente, Israele e Hamas siglano il cessate il fuoco

Donna scomparsa a Castelfranco di Sotto, trovato il cadavere di Khrystyna Novak