Lavorare nel settore della pedagogia è il sogno di moltissimi, ma questo è un ambito piuttosto vario che comprende molteplici professioni.

Nella maggior parte dei casi, è necessaria una laurea per operare a contatto con i bambini e formarli a livello educativo, ma non sempre è così. Esistono anche dei lavori che non prevedono tale titolo di studio e che si possono svolgere anche senza aver frequentato l’università. Scopriamo insieme quali sono le professioni più gettonate e richieste nel settore della pedagogia.

mamma e bambino che legge

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

#1 Assistente all’infanzia

La figura dell’assistente all’infanzia opera nell’ambito pedagogico ed è una delle pochissime che non prevede un titolo di studio di alto livello come la laurea. L’assistente all’infanzia può lavorare in molteplici ambiti: dai baby parking agli asili nido privati, dalle ludoteche alle strutture ricreative ma ha anche la facoltà di operare in proprio. In molti infatti scelgono di aprire partita IVA e di lavorare presso le famiglie che ne fanno richiesta: sono sempre di più, specialmente negli ultimi anni. L’assistente all’infanzia è una figura chiave al giorno d’oggi, che vanta competenze specifiche in ambito pedagogico e che lavora a stretto contatto con i bambini, in modo particolare con quelli più piccoli. In quanto alle prospettive in termini economici, per un assistente all’infanzia stipendio e retribuzione possono variare notevolmente a seconda del contesto in cui tale figura professionale viene inserita. Nella maggior parte dei casi parliamo comunque di cifre molto buone.

#2 Docente di scuola pubblica

Per diventare docente e lavorare in una scuola pubblica il percorso formativo è sicuramente più lungo e complesso rispetto a quello previsto per l’assistente all’infanzia. Se infatti in quest’ultimo caso è sufficiente seguire un corso professionalizzante, per diventare docente ed operare in una scuola pubblica è necessario avere una laurea. Non solo: bisogna anche superare l’apposito concorso che dà diritto all’accesso in graduatoria e prima di riuscire ad entrare di ruolo si rischia di dover attendere diversi anni. Il percorso insomma è impegnativo, anche se le soddisfazioni sono parecchie anche a livello di retribuzione.

#3 Pedagogista

Un’ultima figura professionale che merita di essere citata è quella del pedagogista: un esperto in questo settore, che il più delle volte opera come libero professionista e che spesso viene ingaggiato anche dalle scuole pubbliche. Il suo ruolo è prevalentemente quello dell’esperto, dunque il pedagogista si trova spesso a fare consulenze, in alcuni casi anche private. Parliamo però anche in questo caso di una figura professionale di alto livello. Per diventare pedagogista a tutti gli effetti è necessario conseguire una laurea magistrale, dopodiché si può aprire Partita IVA e mettersi in proprio. Anche questa in sostanza è una professione che rientra a pieno titolo nel settore pedagogico ma che non tutti possono permettersi di svolgere. L’iter formativo è lungo e spesso dispendioso, le certezze sono poche e può anche capitare di non riuscire a trovare lavoro con facilità. In quanto ai guadagni, i pedagogisti più affermati possono sicuramente contare su compensi di un certo livello. Il problema rimane però riuscire ad arrivare al successo.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 04-01-2022


Compro oro: come funziona la vendita dei preziosi secondo legge

Dormire bene: come scegliere il materasso giusto e dove acquistarlo