La terribile morte di Yirelis Pena Santana è avvenuta sabato mattina a Cassino: la donna ha ricevuto dodici coltellate.

Possibile svolta nel caso di Yirelis Pena Santana, 34enne uccisa a coltellate questo sabato: gli investigatori hanno identificato un sospettato. Un altro omicidio nel giro di una settimana. La tragedia si è consumata lo scorso sabato mattina, il 27 maggio, quando il corpo della donna di origine dominicana, con ancora addosso il pigiama, è stato ritrovato all’interno del suo appartamento dal vicino di casa. Yirelis viveva da sola in via Pascoli a Cassino da poco più di tre settimane, dopo essersi trasferita da Vercelli. Grazie ad una traccia ritrovata sul luogo del delitto, però, le forze dell’ordine avrebbero individuato un potenziale killer.

Omicidio, prove e indizi scena del crimine

Il sospettato

Il sospettato killer di Pena Santana dovrebbe essere un uomo di mezza età, residente nella perifieria di Cassino e titolare di una piccola impresa agricola. Per individuarlo è stato fondamentale il lavoro del Commissariato del comune e degli agenti della squadra mobile di Frosinone. L’indiziato è stato fermato e bloccato in una sua abitazione a San Lorenzo, poco lontano da una caserma dell’esercito, affinché le Forze dell’ordine possano passare a setaccio i terreni vicini.

L'opinione di Claudio Brachino

L’obbiettivo? Trovare la lama che ha tolto la vita a Yirelis. Il movente, secondo gli agenti, sarebbe legato alla prostituzione, visti gli annunci pubblicati su internet dalla donna. L’assassino inoltre ha inferto i suoi colpi principalmente sul collo e sul volto della sua vittima.


Riproduzione riservata © 2023 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 29 Maggio 2023 10:00


Tragedia sul Lago Maggiore: si ribalta una barca, quattro morti

Ritrovata 27enne dispersa vittima di abuso. Ora ne denuncia un altro