La maggioranza sembra essere vicina all’accordo sulla manovra. Il testo è atteso in Aula nei prossimi giorni.

ROMA – La maggioranza è davvero vicina alla fumata bianca sulla manovra. Dopo le difficoltà registrate nelle ultime ore, il ministro Franco è riuscito a sciogliere tutte le riserve e gli emendamenti saranno votati in Commissione di Bilancio da lunedì 20 dicembre.

Sarà un passaggio sicuramente molto veloce visto che serve il via libera entro fine anno. L’obiettivo del Governo è quello di ottenere il via libera di Palazzo Madama prima di Natale per poi chiudere la partita tra il 28 e il 29 alla Camera e l’accordo trovato al Mef è un primo passo.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le misure previste dalla manovra

Lo scoglio più importante da superare era quello dei bonus edilizi. Dopo un lungo confronto con i partiti, il ministro Franco è riuscito a chiudere la partita nella serata di domenica 19 dicembre. Niente tetto Isee da 25mila euro. Inoltre, i proprietari potranno applicare per tutto il prossimo anno il bonus, ma devono avere completato almeno il 30% dei lavori entro giugno. Sale a 10mila euro il fondo destinato ai mobili.

Come riportato da La Repubblica, il Governo, inoltre, ha deciso di far passare la pensione con l’Ape sociale da 36 a 32 anni. Prorogata di tre mesi lo stop alla tassa sui tavolini all’aperto come confermato il bonus psicologo. Nella manovra sarà rifinanziato il bonus tv con un fondo da 68 milioni di euro.

soldi euro
soldi euro

Manovra attesa in Parlamento

La volata finale della manovra è iniziata. Il Governo deve dare il via libera alla legge di bilancio entro il 31 dicembre per evitare l’esercizio provvisorio e per questo motivo ci aspettiamo un arrivo in Aula già nei prossimi giorni. Proprio per questioni di tempo il testo non dovrebbe subire modifiche dopo il via libera del Senato e la Camera sarà chiamata a dare solamente il via libera.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 19-12-2021


Sul sito del Mit pubblicate critiche al Pnrr: “Provoca ulcere gastriche”. Indaga la Polizia Postale

La conferma di Dazn: “Addio alla doppia utenza con un singolo abbonamento”