Accordo tra Unicredit e i sindacati su 1.200 nuove uscite volontarie entro il 2024. Orcel: “Sono molto soddisfatto”.

ROMA – E’ accordo tra Unicredit e i sindacati su 1.200 nuove uscite volontarie entro il 2024. Come riportato da Il Giornale, l’intesa è stata trovata nella serata di venerdì 28 gennaio e chiude una pagina di una lunga trattativa iniziata ormai diversi mesi fa.

La linea decisa dall’azienda è quella di 1.200 nuove uscite volontarie per portare a 725 assunzioni tra filiali e digitale nel prossimo triennio. Questo è un numero che va ad aggiungersi ai 775 dell’accordo trovato nel 2020 e quindi si arriva a 1.500 ingressi in Unicredit. Inoltre, i mille contratti di apprendistato ancora in essere saranno trasformati a tempo indeterminato.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Orcel: “Sono molto soddisfatto dell’accordo”

L’amministratore delegato Orcel ha detto di essere “molto soddisfatto di questo accordo e ringrazio le sigle sindacali per il confronto costruttivo e il loro significativo contributo al risultato che siamo riusciti ad ottenere. Si tratta di un’intesa che ci consente di avvicinarci ai territori e favorire un ricambio generazionale“.

Accordo ben preso anche dai sindacati. “L’intesa segna una netta inversione di tendenza – ha sottolineato Lando Maria Sileoni – il recupero del territorio con il contatto diretto con le famiglie e le imprese, quasi abbandonato nella precedenze gestione, con Orcel viene riconquistato e e questo non può che bene al gruppo“.

UniCredit
UniCredit

Unicredit guarda con fiducia al futuro

La decisione presa da Unicredit sicuramente consente di guardare con maggiore fiducia al futuro. L’obiettivo dell’azienda è quello di ringiovanire il personale e la strada intrapresa è quella giusta. Ma capiremo in futuro se la linea sarà seguita oppure se ci sarà un passo indietro.

I prossimi mesi saranno quindi fondamentali per capire meglio quale sarà la via decisa da Unicredit e soprattutto se c’è una strategia diversa da quella della precedente gestione.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 28-01-2022


Istat, cala la fiducia sia dei consumatori che delle imprese

Generali, Francesco Caltagirone si è dimesso dal Cda. L’imprenditore recede anche dal patto con Del Vecchio e Crt