Gli Stati Uniti un po’ a sorpresa hanno deciso di schierare 6 aerei da guerra in Germania. Ecco il motivo.

ROMA – Sei aerei da guerra degli Stati Uniti schierati in Germania. A dirlo è il Pentagono in una breve nota. Gli stessi vertici dell’esercito americano hanno comunicato che questi velivoli non saranno utilizzati per la guerra in Ucraina, ma restano comunque un’arma da possibile mettere in campo soprattutto in caso di una nuova escalation.

Vedremo, quindi, cosa succederà nei prossimi giorni e se gli Usa decideranno di mettere in campo altri mezzi negli altri Stati europei. Naturalmente si tratta di velivoli o armi che non possono essere utilizzati.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Gli Stati Uniti aumentano la spesa militare

Gli Stati Uniti, inoltre, hanno deciso di aumentare la spesa militare. L’obiettivo di questa scelta è sempre quella di contrastare le ambizioni della Cina, ma naturalmente ora lo sguardo è rivolto anche alla Russia dopo la decisione di invadere l’Ucraina.

Come detto anche in altre occasioni, gli Usa non hanno intenzione di entrare in prima persona in questo conflitto, ma l’attenzione resta molto alta e da qui la scelta di aumentare le spese militari. Una mossa precauzionale in vista di un futuro che resta ricco di dubbi e di incertezze.

Casa Bianca
Casa Bianca

Il ruolo degli Usa nella guerra in Ucraina

Naturalmente gli Stati Uniti guardano con attenzione a quello che sta succedendo in Ucraina. Fino a questo momento non c’è stato bisogno di intervenire anche perché una entrata in campo in prima persona degli Usa rischierebbe di portare ad un conflitto mondiale.

Vedremo quello che succederà nei prossimi giorni e se si arriverà ad un cessate il fuoco oppure questa escalation coinvolgerà tutto il pianeta. Si tratta, quindi, di un momento fondamentale per tutto il mondo e non solo per la Russia e l’Ucraina.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 29-03-2022


Opera di Banksy all’asta: i soldi andranno a un ospedale pediatrico ucraino

Profughi ucraini: arriva il sostegno di trecento euro