Situazione delicata in Afghanistan, dove i Talebani hanno conquistato tre città in poche ore. Stati Uniti in allerta: secondo i media sono partiti bombardieri da base Qatar. Il presidente Biden conferma il ritiro.

WASHINGTON – In Afghanistan sembra inarrestabile l’avanzata dei Talebani. L’offensiva ha portato in poche ore alla conquista di tre città: Kunduz, Sar-e-Pul e Taloqan.

L’offensiva dei Talebani in Afghanistan

Gli insorti hanno iniziato a strappare al controllo delle forze governative tre città situate nel Nord del Paese, a cominciare da Kunduz, storica roccaforte dei Talebani. Zona strategica, che controlla la strada di confine con il Tagikistan, nonché ricca di materie prime e crocevia fondamentale dei traffici di oppio e eroina.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

https://www.youtube.com/watch?v=OxPoI8DxDcU&ab_channel=QuotidianoNazionale

Usa, invio dei bombardieri

Gli Stati Uniti, nel frattempo, hanno inviato in Afghanistan alcuni bombardieri B-52 e AC-130H Spectre per fermare l’avanzata dei Talebani. I bombardieri, che vanno ad affiancare i droni Reaper già in azione, sarebbero partiti da una base aerea in Qatar e verrebbero impiegati per colpire obiettivi nelle zone di Kandahar, Herat e Lashkar Gah.

Afghanistan
https://it.wikipedia.org/wiki/Afghanistan#/media/File:Flag_of_Afghanistan.svg

Biden conferma il piano di ritiro

Il presidente americano, Joe Biden, segue da vicino e con non poca preoccupazione gli eventi. Secondo quanto riportato dal New York Times, citando fonti della Casa Bianca, l’Amministrazione non cambia per il momento i piani del ritiro delle truppe dall’Afghanistan.

ultimo aggiornamento: 09-08-2021


Chi era Franca Valeri

Atomica su Nagasaki, il Giappone ricorda il 76° anniversario