Agnes Tirop è stata uccisa dal marito. Il bronzo mondiale sui 10mila metri è morta nella sua casa di Iten.

ITEN (KENYA) – Mondo dell’atletica in lutto. Agnes Tirop è stata uccisa dal marito nella giornata di mercoledì 13 ottobre 2021 al culmine di una lite. Dalle prime informazioni, l’uomo avrebbe impugnato con un coltello e colpito con diversi fendenti la campionessa mondiale sui 10mila metri.

Il presunto omicida, che era anche il suo allenatore, sarebbe stato arrestato. Non si conosce il motivo che lo ha portato a compiere questo gesto e sono in corso le indagini per accertare meglio l’accaduto.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Agnes Tirop morta, il suo procuratore: “Una tragedia immane”

Sconvolto il suo procuratore. Gianni Demadonna ai microfoni del Corriere della Sera ha commentato quanto successo in Kenya: “Una tragedia immane. Le notizie sono parziali e da quello che so lei e il marito avevano litigato un paio di mesi fa e lei si era trasferita al centro federale di Iten. Cosa possa essere davvero successo non lo so, ma stiamo parlando di un talento enorme“.

Un lutto, quindi, che ha sconvolto il mondo dell’atletica. E sicuramente nei prossimi mesi sarà organizzato anche un evento per ricordare la 25enne uccisa dal marito.

SH_ambulanza
SH_ambulanza

Chi era Agnes Jebet Tirop

Nata nella Contea di Uasin Ghisu il 23 ottobre 1995, Agnes Jepet Tirop ha iniziato ad ottenere i primi successi all’età di 20 anni quando è riuscita a conquistare il titolo iridato nella corsa campestre. Una vittoria che le ha permesso di farsi notare anche dai media internazionali.

Due anni dopo il suo bronzo mondiale a Londra (replicato a Doha due anni dopo) sui 10.000 metri piani che l’ha consacrata definitivamente tra i grandi. L’ultimo risultato, prima della tragedia che ha sconvolto l’intero mondo dell’atletica, è stato il quarto posto alle Olimpiadi di Tokyo sui 5mila metri piani.

ultimo aggiornamento: 13-10-2021


Incidenti sul lavoro, operai morti nel Trevigiano e nell’Alessandrino. Magazziniera deceduta nel Fiorentino dopo 40 giorni di coma

Chi era Albino Luciani, Giovanni Paolo I