Operazione Opuntia: in manette sette uomini associati alla famiglia di Menfi.

I Carabinieri del Comando Provinciale di Agrigento hanno eseguito sette Ordinanze di Custodia Cautelare in carcere per “Associazione di tipo mafioso” aggravata dall’uso delle armi, emesse nei confronti di soggetti ritenuti appartenenti alla famiglia di Menfi. L’operazione è stata coordinata e ordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo con il nome in codice “Operazione Opuntia”.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Operazione Opuntia: le indagini

Gli arresti nascono da una complessa indagine iniziata nel 2014 condotta dalla Compagnia Carabinieri di Sciacca sotto il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo. Gli arrestati sono accusati, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso armata, denominata “Cosa Nostra”, con l’aggravante dell’aver perseguito il controllo di attività economiche e di appalti pubblici.

L’indagine ha permesso di fare luce sui ruoli e sull’organigramma della famiglia di Menfi e Sciacca. Durante le varie fasi dell’inchiesta, gli indagati hanno limitato gli incontri, avvenuti solo in luoghi isolati e insoliti come maneggi, abitazioni e persino ambulatori medici. Più di una volta hanno provveduto alla rimozione di microspie posizionate sulle loro automobili.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 09-02-2018


Appalti G8, condannati Balducci e Anemone. Assolto Bertolaso

Pisa, finita la fuga del motociclista che ha fatto fuoco sui passanti