Allarme Confcommercio sul turismo: "In calo le presenze rispetto al 2019"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Allarme Confcommercio sul turismo: “In forte calo le presenze rispetto al 2019”

Allarme Confcommercio sul turismo: “In forte calo le presenze rispetto al 2019”

L’allarme di Confcommercio sul turismo: “5 milioni di partenze sono state cancellate. Presenze in forte calo”.

ROMA – L’allarme di Confcommercio sul turismo. Come confermato da una indagine fatta in collaborazione con SWG citata dall’Ansa, in questo ultimo periodo sono state cancellate 5 milioni di partenze mentre 5,3 milioni sono state modificate con una riduzione dei giorni di relax oppure scegliendo una destinazione più vicina. Sono, invece, 7 milioni i viaggi che restano in sospeso.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Numeri che sono in continuo aggiornamento e in futuro potrebbero esserci ulteriori cali rispetto agli anni precedenti con la variante Omicron che resta un’insidia importante per la ripartenza dell’economia mondiale.

Sangalli: “Dati disastrosi per il turismo italiano”

L’indagine è stata commentata da Carlo Sangalli. Il presidente di Confcommercio ha parlato di “dati disastrosi per il turismo italiano con almeno 60 milioni di arrivi e 120 milioni di presenze che mancheranno all’appello ristretto al 2019 e 13 milioni in meno di viaggi degli italiani all’estero solo per le vacanze tra Natale, Capodanno ed Epifania […]“.

Come associazione – ha aggiunto – chiediamo più sostegni, la proroga della cassa integrazione e adeguate moratorie fiscali. Non è pensabile pensare ad un’economia senza il turismo, un settore che è sicuramente un traino del nostro Paese“.

aereo volo cielo colori alba tramonto
aereo volo cielo colori alba tramonto

Federalberghi: “La situazione è in netto peggioramento”

Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi, all’Ansa ha sottolineato come “la situazione del turismo è in netto peggioramento e non solo nelle città d’arte. Tra positivi, persone in isolamento, paure, persone che fanno il tampone e scoprono di aver contratto il virus. Possiamo dire che non c’è più nessuno in giro, è difficile trovare gente che ha libertà di muoversi […]”.

Qualcuno parte ma tende a sfruttare le proprie case di proprietà – ha aggiunto il numero uno degli albergatori – siamo il settore che soffre di più e negli ultimi giorni stiamo registrando sia ad un blocco prenotazioni che cancellazioni“.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 27 Dicembre 2021 22:08

Pavia, 61enne morta dopo essere stata urtata da un treno. Sospesa la circolazione ferroviaria

nl pixel