Alternative a Photoshop gratuite, ecco i tre migliori programmi

Alternative a Photoshop gratuite, ecco i tre migliori programmi

Trovare alternative a Photoshop gratuite non è semplice, fra programmi che promettono senza mantenere e vere e proprie fregature. Ecco i tre più validi.

Da sempre gli appassionati di fotografia e fotoritocco, in particolare chi è agli inizi, cercano alternative a Photoshop. Il celebre programma di casa Adobe infatti è senza dubbio il leader incontrastato di questa categoria di App, ma i costi non sono adatti per tutte le tasche. In particolare se ci stiamo avvicinando a questo mondo o dobbiamo fare elaborazioni non troppo complesse, l’idea di spendere circa 24 euro al mese per il programma può scoraggiarci.

Certo, ci sono anche alcune possibilità per avere Photoshop gratis per qualche tempo, o con alcune limitazioni. Ma si tratta più che altro di prodotti pensati per farci provare la versione completa prima di acquistarla.

In Rete tuttavia è possibile trovare alcune valide alternative a Photoshop gratuite, che ci permettono di svolgere le principali funzioni del programma senza spendere denaro. Il problema principale è evitare tutti i programmi che promettono senza mantenere. Ecco perché questa lista contiene le tre migliori alternative gratuite a Photoshop: programmi famosi, affidabili e soprattutto con una buona “storia” alle spalle.

Alternative a Photoshop: GIMP è un programma storico

Abbiamo già avuto modo di conoscere GIMP in un articolo dedicato. Questo programma, il cui nome significa GNU Image Manipulator, è sempre stato considerato la migliore alternativa Open Source al colosso di casa Adobe. E se fino a qualche anno fa soffriva un po’ delle sue radici “open”, l’ultima versione ha fatto un salto in avanti.

GIMP strumenti

Uno dei problemi principali di GIMP infatti è sempre stato un’interfaccia non proprio facilissima per i neofiti. Ma l’ultima versione ha risolto questo problema, rendendolo perfetto anche per chi inizia. Precisiamo che GIMP non è un “clone” di Photoshop, per cui alcune differenze nell’uso ci sono ancora. Ma una volta che abbiamo imparato a padroneggiarlo ha addirittura alcuni punti di forza rispetto al prodotto principale. Per esempio, è decisamente meno affamato di risorse. E per i più “nerd” ha un potentissimo sistema di scripting che permette di creare funzioni e automazioni estremamente efficaci.

Download ufficiale di Gimp

Paint.net, l’alternativa semplice e leggera

Questo programma nasce da una buona intuizione: per molti utenti, Photoshop è “troppo”, ma Paint e in generale i programmi di gestione delle immagini predefiniti dei sistemi operativi sono “troppo poco”. Paint.net è praticamente la via di mezzo perfetta. Il programma è agile e leggero, ma ha molte delle funzioni che servono per fare una buona gestione e modifica delle immagini.

Alternative a Photoshop paint.net

Se la nostra idea di ritocco è ridimensionaretagliare, ruotare, inserire una scritta o alcune forme in modo semplice e veloce, Paint.net è decisamente quello che ci serve. Ci sono anche alcune funzioni più avanzate come filtri, calibrazione del colore e livelli. Anche il sistema di controllo è di fatto una via di mezzo fra Paint e Photoshop, ed è piuttosto semplice e intuitivo.

La parte più complicata di Paint.net è… il download! Infatti nonostante il nome del programma che potrebbe trarci in inganno il sito ufficiale è getpaint.net. Anche se il sito sembra un po’ datato, il programma è sempre aggiornato. L’autore accetta donazioni per mantenere vivo il progetto, ma il programma è completamente gratuito.

Download ufficiale di Paint.net

Pixlr, l’alternativa a Photoshop sempre disponibile

Fra tutte le alternative valide e gratuite a Photoshop, Pixlr è probabilmente quella con l’approccio più interessante. Oltre a essere sviluppato da Autodesk, cioè l’azienda che gestisce applicazioni del calibro di AutoCAD, Pixlr infatti è un sito Web che ci permette di fare fotoritocco. In altre parole, ci basta avere un browser e una connessione a Internet perché la App ci permetta di fare un ottimo lavoro di fotoritocco.

Alternative a Photoshop pixlr

Il che, inoltre, rende anche tecnicamente possibile fare fotoritocco sul nostro smartphone o tablet, anche se sappiamo che spesso è un incubo fare un buon lavoro. Ma se ci serve solo effettuare un taglio o aggiungere un effetto, non dobbiamo nemmeno installare una App.

L’unica pecca di questa alternativa a Photoshop è la relativa confusione fra le versioni. Nel momento in cui viene scritto questo articolo infatti la pagina ufficiale presenta ben quattro versioni della web App: Pixlr X, Pixlr Pro, Pixlr Editor e Pixlr Express. La differenza principale è che Pixlr Editor usa la “vecchia” tecnologia Adobe Flash, mentre Pixrl X sfrutta sistemi più moderni e sicuri. Ma in ogni caso, visto che tutte le App sono gratuite (Solo Pixrl Pro è freemium), la cosa migliore è provarle tutte fino a trovare quella più comoda per noi.

Sito ufficiale di Pixlr

Fonte foto copertina: pixabay.com/it/adulto-arte-artista-1986108/

ultimo aggiornamento: 21-12-2018

X