Niente Amazon per un giorno: sciopero delle consegne in Lombardia

Lombardia senza consegne Amazon per un giorno. Lo sciopero dei driver paralizza la grande azienda statunitense.

La Lombardia senza Amazon per un giorno. O meglio senza le consegne di Amazon. Gli addetti alle consegne della nota società hanno infatto indetto uno sciopero con una manifestazione organizzata sotto la sede milanese del gruppo.

Amazon, sciopero delle consegne in Lombardia

La protesta dei lavori ha trovato i consensi e l’appoggio delle principali sigle dei sindacati, con Landini, nuovo numero uno della CGIL, atteso per le ore quattordici sul luogo della protesta.

Amazon
Fonte foto: https://www.facebook.com/amazon.it/

A spingere i driver allo sciopero sono i turni di lavoro fatti di carichi insostenibili, con ritmi di lavoro estenuanti che mettono a rischio l’incolumità dei conducenti ma anche quella degli altri automobilisti. A questo si aggiunge una politica aziendale che impone centinaia di consegne senza prendere in considerazione i turni, i tragitti, la possibilità di incontrare traffico e una serie di effetti collaterali che incidono sul lavoro dei driver.

La difesa di Amazon: Consegne fatte seguendo le norme del Codice di Condotta dei fornitori

Le accuse sono state rispedite al mittente dai vertici di Amazon che hanno specificato, attraverso una nota, come le consegne vengono fatte da imprese tenute a seguire il codice di condotta dei fornitori.

“Il numero di pacchi da consegnare è assegnato ai fornitori di servizi di consegna in maniera appropriata e si basa sulla densità dell’area in cui devono essere effettuate le consegne, sulle ore di lavoro, sulla distanza che devono percorrere“, prosegue la nota.

ultimo aggiornamento: 26-02-2019

X