Sui social l’ambasciatore ucraino mostra il dito medio rivolto a Putin, paragonandolo a Hitler dopo gli ultimi attacchi.

Presso le Nazioni Unite, l’ambasciatore ucraino Sergiy Kyslytsya mostra il dito medio alzato al presidente russo Putin tramite un post pubblicato su Twitter. Il gesto consegue gli ultimi attacchi terroristici che hanno colpito gran parte dell’Ucraina provocando problemi alla corrente elettrica, e il rischio di un disastro nucleare.

Vladimir Putin
Vladimir Putin

In un post pubblicato sul suo profilo Twitter, l’ambasciatore ucraino presso le Nazioni Unite, Sergiy Kyslytsya, invia un messaggio indiscreto al presidente russo Putin. Nell’immagine, si mostra con una maglietta con la scritta “Fuck you Putin”, e con tanto di dito medio alzato per ribadirne il concetto. Il gesto ha suscitato subito polemiche nella portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, che scrive sul suo canale Telegram: “Questo è tutto ciò che rimane al regime di Kiev”.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Battibecco Kyslytsya-Zakharova

Riferito agli ultimi attacchi missilistici russi su gran parte dell’Ucraina, Kyslytsya definisce Putin con il termine “Putler”, nome coniato per unire Putin e Hitler. Sul post scrive l’ambasciatore di Kiev: “Ascoltare l’inviato di Putler al Consiglio di Sicurezza è stato uno dei compiti più terribili. Anche sapendo che il suo posto all’inferno è eterno, l’attacco terrorista di Putler non mi lascia opzioni diplomatiche”.

Maria Zakharova, risponde all’insulto di Kyslytsya dicendo: “Questo è tutto ciò che è rimasto al regime di Kiev, i cui tratti distintivi sono da molto tempo la venalità, la malvagità, l’immoralità, la demenza e la rabbia. Cadono mostrando con orgoglio il dito medio, che è diventato il loro vergognoso simbolo”. 

Kiev, rischio nucleare

A causa dei bombardamenti su gran parte dell’Ucraina, Kiev avverte che c’è un grande rischio di un disastro nucleare e radioattivo e di danni alle centrali nucleari. Così afferma Petro Kotin, presidente dell’operatore Energoatom, dopo che ieri è stata attivata la protezione di emergenza presso le centrali nucleari ucraine.

Dato lo scenario attuale di improvvisi attacchi aerei, e anche molto frequenti, il portavoce dell’intelligence della difesa ucraina (Gur), Andriy Yusov, avverte i cittadini di prepararsi ad altri atti di terrore da parte del Cremlino. “Stanno cercando di piegarci, di farci sprofondare nell’oscurità e nel freddo della guerra e di costringerci a negoziare alle condizioni dell’aggressore. Non funzionerà”, dichiara.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 24-11-2022


Smartworking, scioperi di chi vuol tornare in ufficio

Fine settimana di pioggia, maltempo al Sud