Anna Majani è morta all’età di 85 anni. E’ stata vicepresidente della sua azienda di famiglia.

BOLOGNA – Anna Majani è morta all’età di 85 anni. La notizia della scomparsa dell’imprenditrice è stata data dal Corriere della Sera. Il decesso è avvenuto nella giornata di sabato 28 febbraio 2021. Massimo riserbo sulle cause della morte.

Una notizia accolta con molto dolore da tutti gli appassionati del cioccolato, ma anche dal mondo imprenditoriale italiano. Sin da giovanissima, infatti, si era dedicata all’azienda di famiglia diventando un vero punto di riferimento.

Chi era Anna Majani

Una lunga vita dedicata all’azienda di famiglia per Anna Majani. Conclusi gli studi, la donna ha iniziato una lunga e proficua collaborazione con il padre.

Un impegno che di anno in anno diventava sempre più importante dell’anno. Negli ultimi tempi l’imprenditrice ha ricoperto il vicepresidente con il figlio di Anna, Francesco, alla guida dell’azienda di famiglia. 225 anni di storia per la fabbrica più antica del cioccolato d’Italia.

Diverse le crisi economiche superate dall’azienda. Ma, nonostante questo, mai un passo indietro oppure l’intenzione di mollare. La produzione del cioccolato continua e continuerà anche in futuro. Una storia destinata ad essere arricchita ancora da nuove pagine e il nome di Anna Majani sarà sempre ricordato per aver fatto diventare l’azienda di famiglia un punto di riferimento in tutto il mondo.

Majani
fonte foto https://www.facebook.com/Majani1796

Anna Majani morta

La notizia della scomparsa di Anna Majani, morta domenica 28 febbraio, è stata data dalla famiglia solo qualche ora dopo. Massimo riserbo sulle cause del decesso.

Cordoglio da tutto il mondo dell’imprenditoria. La donna per anni è stato un punto di riferimento dell’azienda di famiglia. Un impegno iniziato da giovanissima e proseguito anche con ruoli di responsabilità come quello di vicepresidente. Ora toccherà al figlio Francesco proseguire quanto fatto dalla madre in questa lunga e importante esperienza in fabbrica.


E’ morto Pietro Larizza, ex segretario della Uil

Mercato auto, febbraio in rosso. Stellantis: -13 per cento