Eccidio di Vinca, Mattarella e Steinmeier a Fivizzano

Sergio Mattarella e Frank-Walter Steinmeier a Fivizzano in occasione dell’anniversario dell’eccidio di Vinca dell’agosto 1944.

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il tedesco Frank-Walter Steinmeier si sono recati a Fivizzano in occasione dell’anniversario dell’eccidio di Vinca, la strage compiuta dai nazi-fascisti negli anni duri della Seconda Guerra Mondiale.

L’anniversario dell’eccidio, Mattarella a Fivizzano con Steinmeier

Mattarella e Steinmeier sono arrivati poco prima di mezzogiorno, hanno depositato una corona in onore dei Caduti e hanno inaugurato una targa commemorativa con la quale si riconosce al paese la Medaglia d’oro al merito civile e della Medaglia d’argento al valor militare per la Resistenza al nazifascismo.

Presenti alla cerimonia anche il presidente della Regione Rossi, il sindaco Gianluigi Giannetti e il presidente della Provincia di Massa Carrara Gianni Lorenzetti.

Oggi sono qui come presidente federale tedesco e provo solo vergogna. Mi inchino davanti ai morti di Fivizzano, vi chiedo perdono per crimini perpetrati per mano tedesca, ha dichiarato Steinmeier.

“La nostra democrazia, i nostri valori di libertà, la spinta ideale che ha permesso all’Europa di risollevarsi e di riconciliarsi con se stessa, si fondano e si sviluppano proprio a partire dal sangue versato da innocenti, come avvenuto qui, e dal conseguente commosso grido dei padri fondatori dell’Europa: ‘Mai più guerre, mai più lutti”, ha sottolineato Mattarella.

Mattarella Amatrice
fonte foto https://www.quirinale.it/elementi/31948

L’eccidio di Vinca

L’eccidio di Vinca porta la tristemente nota firma del maggiore Walter Reder. Nel paesino della frazione di Vinca la furia omicida nazi-fascista avrebbe fatto 173 vittime. Tutti civili. L’episodio risale all’agosto del 1944. In meno di una settimana, esattamente tra il 24 e il 27 agosto, i militari della Aufklärungs-Abteilung 16 furono esecutori di una stage immotivata e cruenta.

A scatenare la violenta reazione dell’esercito tedesco fu l’uccisione di un ufficiale tedesco in occasione di un assalto a un mezzo nazista. Iniziò una rappresaglia violentissima tra Vinca e le frazioni vicine. Furono trucidati le donne e gli anziani, furono bruciate le case.

Uno degli elementi più inquietanti è la testimonianza secondo cui durante il rastrellamento e l’eccidio, i carnefici facevano suonare un organetto.

ultimo aggiornamento: 25-08-2019

X