L’argento della Gran Bretagna nella 4×100 a Tokyo 2020 sarà tolto dopo la positività di Ujah. Cambia il podio dietro all’Italia.

LONDRA (GRAN BRETAGNA) – La Gran Bretagna dovrà dire addio all’argento conquistato a Tokyo 2020 con la 4×100. Le controanalisi hanno confermato, come riportato da La Gazzetta dello Sport, la positività al doping di Ujah, uno dei quattro staffettisti inglesi.

Nei prossimi giorni sarà ratificata la squalifica dell’atleta e il Tas comunicherà la revisione del podio dietro all’Italia. Il Canada conquisterà l’argento, mentre sarà la Cina a salire sul gradino più basso del podio. Nessun dubbio, invece, per i nostri azzurri. La medaglia d’oro resterà e soprattutto tutte le accuse arrivate da Londra possono essere rimandati al mittente.

La positività di Ujah

La notizia della positività di Ujah era arrivata nei giorni scorsi, ma la speranza della Gran Bretagna era quella di un errore nei test.

Le controanalisi, però, hanno confermato il risultato dei primi accertamenti ed ora gli inglesi devono dire addio all’argento. Il regolamento, infatti, prevede la squalifica dell’intera staffetta e per questo motivo il podio è destinato a cambiare. L’ufficialità è attesa nei prossimi giorni. Il Tas, infatti, potrà annunciare il nuovo podio solamente dopo la ratifica della squalifica del britannico.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Medaglie
Medaglie

Come cambia il podio

E ora come cambia il podio? La Gran Bretagna dovrà rinunciare al proprio argento che andrà sul collo dei canadesi, bronzo sul traguardo. L’ultimo gradino del podio sarà occupato dalla Cina, mentre non cambia nulla per quanto riguarda l’Italia se non una vittoria più netta rispetto a quanto successo in Giappone.

Una soddisfazione sicuramente importante per tutti i tifosi italiani dopo i dubbi avanzati dai media inglesi sul presunto uso di sostanze dopante da parte dei nostri atleti. In realtà poi i test hanno evidenziato il contrario e sono proprio loro a perdere il podio.


E’ morto Fabio Taborre, l’ex ciclista aveva 36 anni

Fausto Coppi, il 15 settembre 1919 anni fa nasceva “il Campionissimo”