I prezzi delle assicurazioni auto variano da regione a regione: ecco la classifica del 2022 dalla più cara alla più economica.

Avere un’automobile comporto delle spese annuali a cui non di può proprio fare a meno: una di queste è l’assicurazione. Ma quanto costa fare l’assicurazione RC Auto? La risposta dipende molto dalla regione in cui abitate, i prezzi medi variano infatti molto (al sud Italia, generalmente, costa di più rispetto al nord) ma ciò che unisce tutto il Paese è un altro dato: nel 2022 i prezzi delle assicurazioni sono aumentati ovunque, dal Trentino Alto Adige alla Sicilia. Ma vediamo ora quai sono le regioni dove l’assicurazione auto costa di più e quelle in cui costa invece di meno.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Quanto costa assicurazione RC Auto: la classifica delle regioni italiane

Vediamo ora quali sono i prezzi medi delle assicurazioni Rc Auto in ogni regione d’Italia secondo i dati raccolti dall’Osservatorio di Facile.it, celebre portale di comparazione dei prezzi:

Assicurazione auto, documenti
Assicurazione auto, documenti

Campania 798,56 euro
Calabria 542,44 euro
Puglia 494,15 euro
Toscana 461,90 euro
Sicilia 442,31 euro
Lazio 437,39 euro
Molise 428,22 euro
Liguria 427,49 euro
Umbria 418,65 euro
Piemonte 399,53 euro
Marche 397,44 euro
Emilia-Romagna 393,22 euro
Sardegna 381,08 euro
Abruzzo 367,72 euro
Veneto 353,61 euro
Lombardia 342,84 euro
Trentino Alto Adige 326,97 euro
Friuli Venezia Giulia 304,13 euro
Basilicata dati non disponibili
Valle D’Aosta dati non disponibili

Assicurazione auto, dal furto e incendio all’assistenza stradale: quali sottoscrivono gli italiani

Per legge, ogni veicolo deve avere l’assicurazione RC Auto che, in caso di incidente con ragione, permette all’automobilisti che ha subito il danno di avere riparto il proprio mezzo senza dover spendere un solo euro. A pagare è infatti la compagnia assicurativa di colui che ha provocato l’incidente.

Ma le polizze possono prevedere anche una serie di atre variabili che permettono di vedersi risarcire il danno in caso, per esempio, di incendio del veicolo, di danni provocati dal maltempo o se si subiscono atti vandalici.

La garanzia accessoria che più italiani hanno inserito nella propria polizza è quella per l’assistenza stradale: il 40% di chi ha sottoscritto un’assicurazione auto ha voluto aggiungere la possibilità di chiamare, inciso di necessità, un carro attrezzi senza costi aggiuntivi.

Il 18,4% ha invece voluto aggiungere la tutela legale, l’11% ha sottoscritto la polizza furto e incendio, che permette appunto di ricevere un rimborso nel caso in cui l’automobile venga rubato e prenda fuoco.

Bonus assicurazione 2022

Al vaglio da parte del Governo c’è l’ipotesi di istituire un Bonus RC Auto, ovvero un Bonus assicurazione che permetterebbe agli automobilisti italiani di avere o una sorta di sconto dalle compagnie assicurative per il periodo del lockdown del 2020, quando le auto sono state per lo più ferme o comunque molto poco utilizzate, o una sorta di rimborso da poter chiedere.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 18-05-2022


Ecco le dieci auto più vendute nella storia: la classifica

Ferrari: ecco quali sono le più vendute