Assunta dallo Spallanzani la ricercatrice che ha isolato il coronavirus

Assunta dallo Spallanzani la ricercatrice precaria che ha isolato il Coronavirus

Francesca Colavita, la ricercatrice precaria che ha isolato il Coronavirus, assunta a tempo indeterminato dallo Spallanzani.

Buone notizie per Francesca Colavita, la ricercatrice precaria venuta alla ribalta per avere isolato il coronavirus. La ragazza è stata infatti assunta dallo Spallanzani.

Laboratorio Coronavirus

Coronavirus, assunta a tempo indeterminato dallo Spallanzani Francesca Colavita

L’Istituto ha voluto evidenziare come l’assunzione non sia la diretta conseguenza del suo lavoro sul coronavirus. Lo Spallanzani ha infatti specificato come in data 8 novembre abbia chiesto alla Regione Molise il nulla osta per poter procedere con l’assunzione della dottoressa Colavita.

Giovane trentenne, Colavita aveva un contratto a tempo determinato quando ha iniziato a lavorare sul coronavirus. Che insieme con il suo team è riuscita ad isolare in tempi brevissimi. Il suo contratto sarebbe scaduto nel novembre del 2021, ma già da tempo lo Spallanzani avrebbe deciso di muoversi per provare a tenerla in squadra questa volta con un’assunzione definitiva e un contratto a tempo indeterminato.

“Questo nulla osta è arrivato e quando la dottoressa Colavita tornerà dall’Inghilterra, dove è andata per motivi professionali, firmerà il contratto di assunzione”, fanno sapere dall’ospedale.

Ospedale Spallanzani Roma
Fonte foto: https://www.facebook.com/profile.php?id=100017696343343

L’invito al Festival di Sanremo e la ‘denuncia’ sulle condizioni dei ricercatori in Italia

La Colavita, insieme con le altre donne del team, aveva ricevuto un invito al Festival di Sanremo condotto da Amadeus. Le donne hanno declinato l’invito facendo sapere di non poter lasciare il laboratorio in un momento delicato.

Il caso della ricercatrice aveva comunque riportato alla ribalta il tema degli investimenti in Italia. Siamo in un paese decisamente arretrato per quanto riguarda gli investimenti nel mondo della ricerca.

ultimo aggiornamento: 14-02-2020

X