Le dichiarazioni di Luca Percassi, ad dell’Atalanta sulla cessione di Robin Gosens all’Inter. “Robin è un ragazzo che ha dato tanto”.

A momenti Robin Gosens sarà un giocatore dell’Inter, le visite mediche hanno definito che gli esami strumentali effettuati sul calciatore hanno mostrato il perfetto riassorbimento della lesione muscolare in tempi più rapidi del previsto. Il giocatore proseguirà con cura nel suo programma di completo recupero. L’amministratore delegato dell’Atalanta Luca Percassi ha voluto commentare così l’addio: “Tutto fatto? Sta facendo le visite – ha riferito il dirigente dell’Atalanta -. Robin è un ragazzo che ha dato tanto, che aveva la speranza e l’ambizione di andare in un grande club: penso se lo sia strameritato. È un’opportunità che era giusto che gli concedessimo per ciò che ha fatto. Sarà sostituito? Siamo sempre attenti alle opportunità, ma in quel ruolo siamo coperti”. Queste le parole del dirigente dell’Atalanta.

Sede Inter
Sede Inter

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Inter: le cifre dell’affare Gosens

L’esterno sinistro arriva in prestito di 18 mesi con obbligo di riscatto al primo punto o presenza in campionato nel gennaio del 2023. Il complesso dell’operazione è di 25 milioni di euro più tre bonus. I bonus saranno classificati in base alle presenze in Champions League, Serie A ed eventuali vittorie di titoli. Il calciatore firmerà un contratto di ben quattro anni e mezzo. Gosens è fermo da fine settembre per una lesione al bicipite femorale con successiva ricaduta a novembre. Il giocatore che conta quasi cinque mesi di inattività lascerà l’Atalanta dopo quattro e mezzo dove ha raccolto 157 presenze con 29 gol e 21 assist. Il tedesco sarà probabilmente disponibile nel finale di campionato per prendersi il futuro posto da titolare nello scacchiere di Simone Inzaghi nella sua Inter.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

calcio news Inter

ultimo aggiornamento: 27-01-2022


Vlahovic alla Juventus: l’entourage chiede una commissione monstre

Inter, Edin Dzeko: “Sono cresciuto in guerra. Roma nel cuore”