Caso Autostrade, Atlantia scrive all’Ue segnalando le presunte violazioni del governo italiano che non rispetterebbe le norme europee.

Atlantia scrive al vice presidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis per denunciare la violazione delle norme europee da parte del governo italiano.

Atlantia
fonte foto https://www.facebook.com/autostradeperlitalia/

Atlantia scrive all’Ue: il governo italiano non rispetta le norme europee

L’anticipazione arriva dalle colonne del Financial Times, secondo cui i vertici di Atlantia avrebbero reso noto come le norme contenute nel Milleproroghe abbiamo permesso al governo italiano di ridurre in maniera significativa il compenso da riconoscere al gruppo in caso di revoca delle concessioni, quindi di interruzione anticipata del contratto.

Con una mossa neanche tanto a sorpresa la società allarga la discussione sulla revoca delle concessioni a una riflessione europea cercando una sponda da parte di Bruxelles.

Autostrada A1
Autostrada A1

Il dossier Autostrade

Entra nel vivo il dossier Autostrade, che dovrà essere chiuso – con o senza accordo tra il governo e la società – nel giro di pochi giorni.

Ma il dossier è delicato. L’accordo tra le parti sembra distante se non addirittura impossibile. Tra la domanda e l’offerta la distanza è abissale e le frizioni politiche fanno da contesto alla situazione.

Il Movimento 5 stelle è assolutamente contrario alla revisione delle concessioni. Vuole e chiede la revoca. Dalle parti del Partito democratico la posizione è decisamente più soft. In caso di accordo con la società di potrebbe procedere con una revisione delle concessioni.

Il tema è spinoso e rischia di dividere il fronte della maggioranza di governo. E arriva in un momento particolarmente delicato per il governo, alle prese con diversi fascicoli spinosi.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
economia evidenza politica

ultimo aggiornamento: 18-06-2020


Stati Generali, Coldiretti: Agricoltura può mettere a disposizione 200.000 posti di lavoro

Angela Merkel ‘spinge’ il Recovery fund: ‘Strumento doveroso e urgente’