Salvini punta il dito contro la Chiesa: Nessuno può dire Cristo o la Lega, limite superato

Matteo Salvini risponde alla Chiesa: Nessuno può avere l’arroganza di dire o Cristo o la Lega. Il confine tra bontà e fesseria è labile.

Matteo Salvini punta il dito contro la Chiesa: “Nessuno può avere l’arroganza di dire o Cristo o la Lega”. Si apre con queste parole il nuovo scontro tra il leader della Lega Matteo Salvini e i cattolici, o meglio i preti.

La Chiesa e Matteo Salvini, una storia di critiche e botta e risposta

Nel corso di questi mesi di governo giallo-verde, diversi esponenti della Chiesa hanno aspramente criticato il ministro dell’Interno soprattutto per quanto riguarda la politica dei porti chiusi adottata per frenare l’arrivo dei migranti.

Molti preti (ma anche personalità decisamente più in alto nella scala gerarchica della Chiesa) hanno sottolineato come per molti aspetti la politica promossa dalla Lega sia in netto contrasto con i messaggi e i valori trasmessi dal Vangelo. Per molti la conclusione è la medesima: un buon cristiano non dovrebbe votare Matteo Salvini.

Matteo Salvini
fonte foto https://www.facebook.com/salviniofficial/

La posizione (non politica) di Papa Francesco

In diverse occasioni pubbliche, anche Papa Francesco ha espresso le sue perplessità sulla politica della non accoglienza di Salvini. Ovviamente il pontefice non si è mai lasciato andare a messaggi apertamente politici, ma ha ricordato come la fede cristiana si fondi sul principio di accoglienza e assistenza degli ultimi. A buon intenditor….

udienza privata Papa Francesco
Papa Francesco

Matteo Salvini: Penso che nessuno può avere l’arroganza di dire o Cristo o la Lega

Dopo mesi di botta e risposta e critiche più o meno velate, Matteo Salvini ha deciso di dire la sua sul rapporto tra la Lega e la Chiesa puntando il dito contro i religiosi che avrebbero provato a influenzare il credo politico dei propri fedeli.

“Penso che nessuno possa avere l’esclusiva a parlare a nome dei cristiani o dei cattolici, ma penso pure che nessuno può avere l’arroganza di dire o Cristo o la Lega”.

“Il confine tra bontà e fesseria è labile, gli stranieri vanno accolti nei limiti del possibile e questo limite è stato superato”.

ultimo aggiornamento: 16-04-2019

X