Il duro attacco di Letta alla Lega: “Noi chiediamo serietà per continuare a lavorare con questa maggioranza”.

ROMA – Enrico Letta attacca duramente la Lega durante la direzione nazionale del Pd. In particolare, il segretario del Nazareno si è soffermato sulla decisione del partito di via Bellerio di votare contro la proroga del Green Pass oltre il 31 marzo.

Chiediamo a tutti di essere seri e responsabili – ha detto Letta riportato dall’Adnkronosa me ha colpito quando la Lega ha votato contro il parere del governo. Noi chiediamo serietà perché questo è l’unico modo per riuscire ad andare avanti con questo governo in maniera efficace […]“.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Letta sul Pd: “Si deve avere l’ambizione di vincere”

Letta ha affrontato anche il discorso Pd: “L’ambizione deve essere quella di vincere e non di sopravvivere […]. Dobbiamo avere la voglia di guidare e di conquistare successi. Lo dico con grande franchezza e come allenatore di una squadra come è un po’ un segretario“.

Io non so con quale legge elettorale e se come segretario avrò un ruolo nella scelta della squadra – ha aggiunto – ma se sarà così, guarderò ogni giocatore negli occhi e solo se vedrò gli occhi di tigre lo metterò in questo campo […]. In questa legislatura non sarà semplice, ma alle elezioni parleremo chiaro agli elettori e tenteremo fino in fondo il tema del ddl Zan e della cittadinanza“.

Enrico Letta
Enrico Letta

Il segretario dem sul M5s

Non poteva mancare un passaggio sul M5s. “Io sono molto fiero dell’impegno che abbiamo messo in questi due anni – ha detto Letta – un lavoro portato avanti con il M5s e sono certo che continuerà anche in futuro […]. L’unità dei nostri gruppi e la sobrietà sono state le chiavi con cui abbiamo rieletto il politico più politico e questo ci dà molto più carica in vista del futuro“.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 21-02-2022


Via il Green pass, la maggioranza si spacca su un emendamento della Lega

Putin riconosce il Donbass e ordina una missione ‘peacekeeping’