In piena guerra in Ucraina un attentato scuote il Pakistan. Sono almeno 30 le vittime causate da un’esplosione in una moschea.

ROMA – Attentato in Pakistan nella giornata di venerdì 4 marzo 2022. Secondo quanto riferito dall’Ansa, sono almeno 30 le vittime provocate da un’esplosione avvenuta in una moschea sciita durante la preghiera del venerdì.

Si tratta di uno degli attacchi più importanti degli ultimi tempi e il numero potrebbe ancora aumentare considerando che sono oltre 50 le persone ferite. Nelle prossime ore, quindi, ci aspettiamo un bilancio molto più grave di quello attuale visto che sono molti i fedeli coinvolti.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Attentato in Pakistan, esplosione in una moschea sciita

L’esplosione è avvenuta, come detto, in una moschea sciita durante la preghiera del venerdì. Secondo le prime informazioni, l’attentato è stato registrato nelle prime ore del 4 marzo è il bilancio è di almeno 30 morti e 50 feriti.

Ma, come detto, il numero potrebbe aumentare nel giro di poco tempo visto che non si conoscono le persone coinvolte in questo attacco. Si tratta naturalmente di una matrice terroristica anche se ancora non c’è stata nessuna rivendicazione e le ipotesi, quindi, sono ancora tutte sul tavolo delle forze dell’ordine locali.

Ambulanza
Ambulanza

Nessuna rivendicazione

Nessuna rivendicazione di questo attentato. L’esplosione, almeno fino ad ora, non ha nessuna matrice e per questo motivo si preferisce non escludere nessuna ipotesi almeno fino a quando non si hanno delle prove certe.

Sicuramente l’attenzione resta molto alta per evitare qualsiasi altro evento simile e soprattutto sono in corso gli approfondimenti del caso. Nelle prossime ore, come detto, ci potrebbero essere un aggiornamento del bilancio e anche una rivendicazione di questo attentato. Una esplosione che fa ritornare la paura in Pakistan e vedremo se in futuro ci saranno altri episodi simili.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 04-03-2022


Covid, il monitoraggio Iss: stabile l’Rt. Diminuisce l’incidenza

Il ministero degli Esteri ucraino condanna il bombardamento della centrale nucleare di Zaporizhzhya