Checco Zalone esce oggi al cinema con “Tolo tolo”, quinta pellicola dell’attore pugliese, prima da regista.

C’è grande attesa nelle sale cinematografiche per l’uscita di “Tolo tolo”, l’ultima pellicola di Checco Zalone. La data del 1 gennaio 2020 è cerchiata di rosso da tempo da parte dei fan della commedia italiana e del 32enne barese.

“Tolo tolo”, prima da regista

Il film prodotto da Pietro Valsecchi è il quinto che vede protagonista l’attore pugliese, il quale per la prima volta si è cimentato da regista. Luca Medici, in arte Checco Zalone, sfida se stesso: complessivamente, con le quattro precedenti produzioni, si è incassata la cifre record di 173 milioni.

https://www.youtube.com/watch?v=M1tIBWi7vjI

La trama

E’ la storia di Checco, il quale va a cercar fortuna in Africa ma a causa di una guerra è costretto a far ritorno in Italia, percorrendo la tortuosa rotta dei migranti.
La critica si è sostanzialmente espressa positivamente, sottolineando l’evoluzione di Medici verso temi più impegnati.
La colonna sonora del film, Immigrato, ha sollevato accuse di razzismo nei confronti di Checco Zalone, il quale ha replicato negando qualunque riferimento discriminatorio nei confronti degli immigrati.

I precedenti di Checco Zalone

Il film che più ha incassato ai botteghini è stato “Quo Vado?”, la pellicola italiana più vista nel XXI secolo, con più di 9 milioni di biglietti venduti e un incasso complessivo di ben 65.295.389 euro. Secondo in assoluto nella storia per incassi dopo “Avatar” che in Italia resiste al primo posto, ma primo come biglietti venduti, con i suoi 9 milioni contro i 7,5 milioni di biglietti del film di Cameron. Il film ha superato il precedente primato di “Sole a catinelle” del 2013 che aveva ottenuto 63,5 milioni. Il secondo lungometraggio, “Che bella giornata”, è uscito nel 2011 raggiungendo già i 43.475.840 euro, superando il record d’incassi di “Titanic”, il cui primato resisteva dal 1997.  Bene anche il suo esordio “Cado dalle nubi”, del 2009, che aveva incassato un totale di 14.073.000 euro.


Migranti, il nuovo sos di Alarm Phone: “45 persone su un barcone in avaria”

Ex deputato di Mdp aggredito a Venezia: “Urlavano Duce Duce”