Attività motoria e attività fisica, proviamo a capire quali sono le differenze per evitare sanzioni per aver violato l’obbligo di indossare la mascherina.

Nella giornata dell’11 ottobre il Viminale ha specificato che l’obbligo di indossare la mascherina interessa anche le persone che svolgono attività motoria, mentre sono esonerate quelle che svolgono attività sportiva. Ma quali sono le differenze?

Attività motoria e attività sportiva

Il dpcm “esenta dall’obbligo di utilizzo solo coloro che abbiano in corso l’attività sportiva e non quella motoria, non esonerata, invece, dall’obbligo in questione“, si legge nella comunicazione del Viminale.

La mascherina è quindi obbligatoria per chi svolge attività motoria fuori casa, mentre non è obbligatoria per chi svolge attività fisica.

Facciamo degli esempi. Chi passeggia per strada deve indossare la mascherina. Chi corre, quindi sta praticando uno sport, non deve indossare la mascherina.

Sempre ricorrendo alla comunicazione del Viminale, per attività motoriadeve intendersi la mera passeggiata e non la corsa, anche quella svolta con finalità amatoriali, in quanto riconducibile ad attività sportiva[…]. Jogging e footing potranno continuare a svolgersi senza obbligo di mascherina“.

Scarpe da corsa
fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/jogging-eseguire-sport-jog-2343558/

Una distinzione ‘delicata’

Siamo di fronte a una distinzione non sempre semplice da individuare, come abbiamo notato già nelle prime settimane della fase dura dell’emergenza coronavirus, quando molte persone indossavano scarpe da ginnastica e pantaloni della tuta per evadere dalla quarantena in maniera legittima. E fuori casa si concedevano una piacevole camminata comprensibile ma non nel rispetto delle norme.

Per capire quanto sottile sia la differenza tra le attività in questione basta prendere la definizione presente proprio sul sito del Ministero della Salute:

“Il concetto di attività fisica è molto ampio; comprende, infatti, tutte le forme di movimento realizzate nei vari ambiti di vita.

Secondo l’OMS, per “attività fisica” si intende “qualunque movimento determinato dal sistema muscolo-scheletrico che si traduce in un dispendio energetico superiore a quello delle condizioni di riposo”.

In questa definizione rientrano non solo le attività sportive, ma anche semplici movimenti come camminare, andare in bicicletta, ballare, giocare, fare giardinaggio e lavori domestici, che fanno parte della attività motoria spontanea“.

Evidentemente l’emergenza coronavirus ha spinto le autorità a correggere il tiro.

Chi deve indossare la mascherina

Per riassumere ulteriormente:

devono rispettare l’obbligo indossare la mascherina all’aperto tutte le persone che non si trovano in uno stato di continuo isolamento. Quindi, anche chi esce per una passeggiata deve indossare il dispositivo di protezione individuale.

Sono esonerate dall’obbligo persone con patologie incompatibili con l’uso della mascherina e le persone che praticano attività sportiva. Rientrano nell’attività sportiva ad esempio la corsa o la bicicletta. Sono esonerati dall’obbligo anche i bambini di età inferiore ai sei anni.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
coronavirus cronaca News

ultimo aggiornamento: 12-10-2020


Europei di canottaggio a Poznan, 11 medaglie per l’Italia

Egeo, tensione tra Turchia e Grecia: nave Oruc Reis torna nelle acque a ricercare gas naturale