Quali sono state le auto più vendute nel mondo nel 2020? Ecco la classifica aggiornata che prende in esame i diversi modelli di diverse case.

È stata rivelata la classifica delle auto più vendute nel mondo nel 2020. Secondo i dati resi disponibili da Focus2Move, il mercato automobilistico è in decremento, in quanto in seguito alla pandemia da Covid-19 è proseguita una crisi che già era iniziata negli anni precedenti, con le vendite di veicoli in costante diminuzione a livello globale. Solamente in Europa, c’è stato un calo del 24,3% complessivo. Sebbene questo, le case automobilistiche sono riuscite a compattarsi puntando su mercati, come quello cinese e quello americano, sempre costanti. Ecco quali sono state le macchine più vendute nel mondo nel 2020.

Le auto più vendute nel mondo nel 2020: le giapponesi in testa

Come già accennato, il mercato delle auto è in decrescita, ma per quanto riguarda i singoli modelli la classifica è rimasta quasi invariata rispetto al 2019, con le auto giapponesi che la fanno da padrone, ma anche con le americane che spingono sull’acceleratore e continuano a imporsi sul mercato mondiale. Ecco la classifica:

-Toyota Corolla (1.134.262)
-Toyota RAV4 (971.516)
-Ford F-Series (968.179)
-Honda CR-V (705.651)
-Honda Civic (697.945)
-Chevrolet Silverado (637.750)
-Ram pick-up (631.593)
-Volkswagen Tiguan (607.121)
-Toyota Camry (592.648)
-Nissan Sylphy (544.376)
-Volkswagen Golf (492.262)
-Volkswagen Lavida (463.804)
-Hyundai Tucson (462.110)

Colori auto
Colori auto

La macchina più venduta al mondo è ancora la Toyota Corolla. La casa di produzione giapponese ha ben due auto sul podio, con la Toyota RAV4 che segue al secondo posto, e anche una terza in nona posizione, la Toyota Camry. In terza posizione abbiamo l’americana Ford F-Series. Dagli Stati Uniti sono presenti in classifica anche la Chevrolet Silverado (6°) e la Ram pick-up (7°).

Ancora tra le giapponesi troviamo due Honda, la CR-V (4°) e la Civic (5°), e anche la Nissan Sylphy (10°). Per le europee la classifica è appannaggio della Volkswagen, con la Tiguan (8°), la Golf (11°) e la Lavida (12°). La coreana Hyundai Tucson, infine, è alla 13° posizione.

Le auto più vendute in Europa nel 2020

Invece per quanto riguarda il Vecchio Continente, in testa alla classifica c’è la Volkswagen Golf, che come abbiamo già visto è presente anche in undicesima posizione anche in quella mondiale, per non parlare delle auto più vendute in Italia nel 2020 nella categoria berlina compatta. Nell’anno sono state consegnate ben 312mila esemplari. Un grande risultato per la casa tedesca che dal secondo semestre ha reso disponibile l’auto con due carrozzeria differenti e cinque sistemi di alimentazione a scelta, con il lancio anche della Golf 8, ottava generazione del modello della casa di Wolfsburg.

Invece per quanto riguarda il mese di dicembre 2020, la seconda in classifica è la Volkswagen ID.3, modello uscito proprio nel 2020. Al terzo posto è presente la Tesla Model 3, mentre giù dal podio abbiamo le seguenti auto:

-Renault Clio
-Peugeot 208
-Toyota Yaris
-Renault Captur
-Skoda Octavia
-Peugeot 2008
-Fiat 500

Invece in generale nel 2020, sotto la Golf sono presenti diversi modelli storici delle migliori case automobilistiche.

-Renault Clio
-Peugeot 208
-Opel Corsa
-Toyota Yaris
-Renault Captur
-Skoda Octavia
-Volkswagen Tiguan
-Ford Focus
-Volkswagen Polo
-Dacia Sandero
-Mercedes Classe A
-Volkswagen T-Roc
-Peugeot 2008
-Ford Fiesta
-Citroen C3
-Fiat Panda
-Fiat 500

Anche per l’Europa c’è stato un netto decremento dal punto di vista della percentuale delle auto vendute rispetto al 2019. Una conferma del trend mondiale che ha visto il calo delle vendite per la crisi economica e in particolare la pandemia da Covid-19 che ha messo un freno ai consumi in generale, ma in particolare agli acquisti di nuove auto. Un fattore positivo è stato però l’aumento delle vendite di auto ibride, plug in e elettriche: un segnale green per abbassare l’inquinamento e le emissioni.

Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/TOYOTA.Global


29 gennaio 2014, nasce FCA

Sciopero dei sindacati di base: a rischio scuola, sanità e trasporti