La truffa dei chilometri scalati per le auto usate: come evitare brutte sorprese al momento dell’acquisto della nuova macchina.

Auto usate e chilometri scalati. Purtroppo non è un caso raro che le macchine di seconda mano acquistate da privati nascondano qualche sgradita sorpresa. Una delle peggiori – anche perché difficile da scoprire – è quella dell’alterazione dei chilometri totali. In poche parole la strumentazione della macchina presenta un totale di chilometri inferiore a quelli effettivamente percorsi dalla vettura. Spesso anche notevolmente ridotti.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Auto usate, il rischio dei chilometri scalati

Inutile sottolineare come la truffa dei chilometri scalati sulle auto usate rappresenti un danno non indifferente. Innanzitutto l’acquirente, magari convinto di fare un ottimo affare, paga in realtà una cifra spropositata per una macchina con un’aspettativa di vita decisamente inferiore a quella reale. Senza considerare l’usura dei pezzi meccanici (e non) non preventivati e preventivabili di fronte al finto chilometraggio.

Parcheggiare Macchina
Fonte foto: pixabay.com/it/photos/parcheggio-autos-veicoli-traffico-825371/

Come difendersi dalla truffa dei chilometri scalati

A denunciare il fenomeno ormai (purtroppo) dilagante è stato l’Antitrust che al termine della propria analisi ha voluto ricordare come esistano diversi strumenti per evitare di rimanere vittime della truffa.

Il primo strumento a disposizione degli automobilisti e l’attestato rilasciato in occasione del controllo tecnico che si svolge a quattro anni dall’immatricolazione. Ogni due anni il veicolo è poi sottoposto a revisione, nella quale si specificano anche i chilometri effettivi di percorrenza.

Grazie alle nuove normative vigenti, la comunicazione viene trasmessa anche al Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture negli uffici della motorizzazione. I dati in questione sono reperibili e consultabili da tutti sul portale dell’automobilista.

Comprare un’auto usata: cosa fare per evitare di essere truffati

Per evitare di ritrovarsi con una macchina con brutte sorprese, gli acquirenti potranno (o meglio dovrebbero) verificare i dati della vettura in questione direttamente sul sito del Ministero. L’unica cosa di cui avete bisogno è il numero di targa della macchina in questione.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 20-06-2019


Formula 1, appuntamento in Francia: orario e streaming

L’Eco-bonus non basta, il mercato dell’elettrico cresce meno del previsto