Bar aperti dopo mezzanotte a Catanzaro Lido e Bologna. Sfruttato un vuoto legislativo.

ROMA – Una ‘falla’ nel dpcm del 13 ottobre ha consentito ad alcuni di bar di Catanzaro Lido e Bologna di aprire dopo mezzanotte. Come precisato dal Corriere della Sera, nel provvedimento non è precisato l’orario di riapertura dei locali e, per questo, i titolari hanno deciso di aggirare il provvedimento.

Bar di Bologna aperto dopo mezzanotte

Causa Dpcm del 13/10/2020 chiuderemo alle 24 e riapriremo all’1“. La frase è scritta su uno dei cartelli del Mavit Bar, locale che ha deciso di aggirare la misura del premier Conte.

“La cosa a cui tengo più di tutte – ha detto la titolare – è che non si parli di irregolarità. Il decreto noi lo stiamo applicando, senza infrangere nulla“. Nel provvedimento, infatti, è precisato che la chiusura di queste attività deve avvenire entro le 24, ma non è stato indicato l’orario della riapertura. Per questo motivo la riapertura del locale è regolare e le forze dell’ordine non possono intervenire con le sanzioni.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Bar riapre a Catanzaro Lido dopo mezzanotte

Vicenda simile anche a Catanzaro Lido. Il Bar Plaza Café ha deciso di aggirare la misura riaprendo dopo mezzanotte. In questo caso, come scritto dai giornali locali, i carabinieri si sono presentati, ma non hanno potuto sanzionare il gestore perché nel provvedimento “non c’è l’orario di apertura“.

Governo pronto ad intervenire

Un vuoto legislativo che molto probabilmente porterà il Governo ad intervenire nelle prossime ore con un decreto legge. La maggioranza è al lavoro per cercare di rafforzare le misure contro il coronavirus. E a farne le spese potrebbero essere proprio i locali, costretti a chiudere alle 22 o alle 23.

Un provvedimento che il premier Conte dovrà fare con molta attenzione per non consentire ai locali di aggirare la misura, come successo in queste ultimi giorni.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
bologna catanzaro lido coronavirus cronaca dpcm 13 ottobre Ultima Ora

ultimo aggiornamento: 17-10-2020


Cinema in lutto, è morta Rhonda Fleming

Crisanti: “Il sistema di controllo si sta sbriciolando. Possibile un lockdown per un reset”