Crisanti al ‘Corriere della Sera’: “Possibile un periodo di stop di due o tre settimane per resettare il sistema”.

ROMA – “Un lockdown per resettare il sistema”. E’ questa l’ultima proposta del microbiologo Andrea Crisanti ai microfoni del Corriere della Sera. “Prima di tutto – ha spiegato il professore – applicherei con gradualità misure di restrizione accettabili dal punto di vista economico, con una politica aggressiva di identificazione dei focolai e zone rosse. E poi farei un rest della situazione per due-tre settimane, una sorta di pausa di riflessione, implementando limitazioni di movimento e alle attività. E solo dopo aver portato la curva ad un punto di sopportazioni ripartire con la sorveglianza attiva”.

Crisanti: “Curva fuori controllo”

Un aumento dei contagi che preoccupa Crisanti: “Il sistema di controllo dell’epidemia si sta sbriciolando ed è finito fuori controllo. Per affrontare un carico del genere servirebbero risorse gigantesche per tamponi, reagenti e struttura. Bisognava contenere il contagio sotto quota duemila. Ci siamo riusciti per un po’, dopodiché la prima linea di difesa è saltata e il sistema è crollato

E sull’ipotesi di un nuovo stop a Natale precisa: “Sul reset bisognerebbe intervenire quando i casi non sono troppi […]. Io avevo ipotizzato il periodo di fine dicembre, anche perché in quei giorni le scuole sono chiuse e la vaporiera industriale rallenta. Tutto dipende dalle prossime settimane“.

Coronavirus
Coronavirus

Crisanti: “Non è giusto dare la colpa agli italiani”

Crisanti è da sempre molto critico nei confronti del Governo e del Cts: “Non sono stati fatti i necessari investimenti in sorveglianza e prevenzione, unico sistema possibile per fermare i focolai. Quando abbiamo riaperto scuole e attività non c’è stato un parallelo aumento della capacità di fare test, l’unica cosa che ci avrebbe difeso. In ogni caso, non è giusto dare la colpa agli italiani, che sono vittime di quello che sta accadendo“.

L’intervista completa di Andrea Crisanti

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Andrea Crisanti coronavirus cronaca Ultima Ora

ultimo aggiornamento: 17-10-2020


A Catanzaro Lido e Bologna i bar aprono dopo mezzanotte. Sfruttato un vuoto legislativo

Sparatoria a Reggio Emilia, 5 feriti, arrestato l’aggressore