Decreto Riaperture, le regole per bar e ristoranti in zona Gialla: cosa si può fare e cosa no.

Il decreto Riaperture è stato accompagnato da polemiche e interrogativi sulla riapertura di bar e ristoranti in zona Gialla: le regole infatti sono stringenti. I locali con posti all’aperto si godono il primo passo verso la normalità, gli altri restano chiusi. Ma esattamente cosa si può fare? Si può prendere il caffè al bancone? Si può entrare nei locali per usare i servizi sanitari.

Bar e ristoranti, le regole in zona Gialla

Le regole generali sono le seguenti: dal 26 aprile, solo in zona Gialla, hanno riaperto i battenti a pranzo e a cena i bar e i ristoranti con tavoli all’aperto, è possibile stare seduti al tavolo nel limite massimo di 4 persone a meno che non siano conviventi e la distanza deve essere di un metro. Dal 1 giugno, sempre in zona Gialla, riaprono i locali anche al chiuso, che dovranno chiudere però alle 18:00. Quindi non potranno rimanere aperti per cena.

Coronavirus bar
Coronavirus bar

La Faq

Il governo ha fatto il punto della situazione con le Faq sul nuovo decreto. In base alle informazioni pubblicate, è possibile entrare nei locali solo per usare i servizi igienici, per pagare il conto nel caso in cui non sia possibile farlo all’aperto o per acquistare prodotti per l’asporto. Comunque si può rimanere all’interno dei locali solo per il tempo strettamente necessario. Uno dei temi discussi era quello sul coprifuoco alle 22.00. Anche chi si ferma a cena fuori deve rientrare a casa entro le 22.00. La discussione era nata dopo che la ministra Gelmini aveva fatto sapere che chi era a ristorante poteva alzarsi dal tavolo alle 22.00. Ricostruzione quindi smentita dal governo e dal Viminale. Alle 22 tutti devono essere a casa.

Nella mia area sono aperti ristoranti, pizzerie, pasticcerie e altre attività di ristorazione? È consentito il consumo di cibi e bevande al loro interno?

“In questa zona, dal 26 aprile 2021, è consentito, dalle ore 5.00 alle 22.00 e comunque nel rispetto dei limiti orari stabiliti per gli spostamenti, il consumo al tavolo esclusivamente all’aperto nei bar, nei ristoranti e nelle altre attività di ristorazione. Fino al 31 maggio 2021 compreso non è invece consentito il consumo di cibi e bevande all’interno dei locali.

Dal 1° giugno 2021 sarà consentita l’attività dei servizi di ristorazione, svolta da qualsiasi esercizio, anche al chiuso, con consumo al tavolo, dalle ore 5.00 alle 18.00″.

È consentito entrare o restare all’interno di bar, ristoranti e degli altri locali adibiti alla ristorazione (pub, gelaterie, pasticcerie…), se è sospeso il consumo di cibi al loro interno?

L’ingresso e la permanenza nei locali da parte dei clienti sono consentiti per l’uso dei servizi igienici, per effettuare il pagamento del conto (ove non fosse possibile effettuarlo all’esterno) o per acquistare i prodotti per asporto, per il tempo strettamente necessario a tali necessità e sempre nel rispetto delle misure di prevenzione del contagio. Non sono comunque consentiti gli assembramenti.

Ristorante
Ristorante

Bar e ristoranti, la circolare del Viminale

Un ulteriore chiarimento è arrivato dal Viminale, che con una circolare ha specificato che il servizio è consentito ai tavoli all’aperto e al banco nei locali nei quali è consentita la consumazione all’aperto. Per gli altri locali le regole sono quelle dei mesi scorsi: servizio ai tavoli e asporto fino alle ore 18.00.

Le regole in zona Rossa e in zona Arancione

In zona rossa e arancione le regole sono le solite: bar e ristoranti sono aperti per l’asporto e la consegna a domicilio. Nessun cambiamento quindi rispetto alle settimane passate.

TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 02-05-2021


La capsula Crew Dragon Resilience di SpaceX fa ritorno sulla Terra, ammaraggio riuscito

Covid, il dramma dei giovani: triplicati i tentativi di suicidio e i casi di autolesionismo