Il Barcellona, chiuso (?) il caso Messi, è vicinissimo a Depay e Wijnaldum, profili graditi al connazionale Koemam. E così Suarez si avvicina alla Juventus.

L’estate 2020 del Barcellona si ricorderà come una delle più movimentate e tormentate della storia del club catalano. Dopo il tonfo in Champions contro il Bayern Monaco, infatti, è saltato il tecnico Setien, sostituito da Koeman ma, soprattutto, si sono aperte delle crepe apparse insanabili.

La grana Messi

Una volta licenziato il ds Abidal, sembrava che i rumors su Messi si acquietassero e invece La Pulce è uscita allo scoperto, rivendicando il diritto di poter lasciare il “Camp Nou” a costo zero. Il muro del Barcellona di Bartomeu è stato invalicabile costringe di fatto il fuoriclasse argentino a rimanere in Catalogna. Ieri, in una intervista al veleno, il classe ’87 ha confermato di rimanere in blaugrana.

https://www.youtube.com/watch?v=mCR_UPD0C-o&ab_channel=IlSole24ORE

Suarez vicino alla Juventus

In parallelo a Messi, c’è la questione Suarez. L’attaccante uruguaiano è stato tagliato fuori dal progetto tecnico di Koeman: il 33enne è così nel mirino della Juventus, pronta a acquisire il Pistolero praticamente a costo zero, ingaggio a parte.

Barcellona all’olandese: Depay e Wijnaldum

E così, il club catalano deve puntare a sostituire uno dei più forti centravanti degli ultimi 10-15 anni. Oltre a Rakitic, tornato al Siviglia. Preso Pjanic (nello scambio con Arthur) e “trattenuto” Messi, Ronald Koeman vuol costruire un Barcellona all’olandese.
Secondo la stampa orange, infatti, i blaugrana sono vicinissimi a chiudere per Memphis Depay e Georgino Wijnaldum. L’esborso per portare in Spagna i due connazionali del neo-tecnico si aggirerebbe intorno ai 40 milioni. L’attaccante in forza al Lione ha fatto fuori Juventus e Manchester City nell’ultima Champions, mentre il centrocampista del Liverpool l’ha vinta nel 2019.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro


Il Tardini è il primo stadio di Serie A a riaprire le porte ai tifosi

Calciomercato, Romero per Gasperini. Allan va da Ancelotti