Cucinare marshmallow, darsi ad un’attività extrascolastica divertente, ma restare ustionati. Succede nell’asilo bergamasco di Osio Sopra.

Stamattina, intorno alle 10.30, l’asilo di Osio Sopra, a Bergamo, si è drasticamente trasformato in un’area di puro terrore. Cinque bambini sono rimasti ustionati, durante quella che avrebbe dovuto rivelarsi un’attività ludica, diversiva ed originale: la cottura di gustosi marshmallow all’interno del giardino della struttura scolastica.

Stando al report dell’Areu, azienda regionale emergenza urgenza, l’altezza delle fiamme sprigionate dall’incendio da marshmallow, avrebbe coinvolto anche tre adulti.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

I quattro bambini ustionati

Ed ecco il tragico epilogo. Secondo le fonti, una bimba di soli quattro anni, avrebbe riportato gravissime ustioni multiple. La piccola, è stata trasferita immediatamente presso l’ospedale milanese Buzzi, grazie al tempestivo intervento di un elisoccorso.

Vigili del Fuoco
Vigili del Fuoco

Un secondo bimbo, coetaneo della prima, avrebbe riportato le stesse ustioni multiple della compagna di giochi. Quest’ultimo, è stato trasportato in codice giallo, presso il centro Niguarda. La stessa sorte è toccata anche ad altri tre bimbi: una di cinque anni, un bimbo di sei anni e una bambina di soli 3 anni. Questi, sarebbero pieni delle stesse ustioni multiple degli altri compagni di classe. Al momento, tutti e tre ricoverati in codice giallo, presso l’ospedale Papa Giovanni XXIII.

Sul luogo, sono subito intervenuti, quattro ambulanze, vigili del fuoco, carabinieri, un’automedica e due elicotteri. Riguardo, invece, i tre adulti coinvolti nella tragica vicenda, questi sono stati trasferiti in codice verde/giallo, presso l’ospedale di Zingonia. I tre, avrebbero riportato “sintomi da inalazione di fumi e ustioni”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 30-05-2022


Napoli, due sorelle sfregiate con l’acido nella notte

Francesco De Leo aggredito dal cantante famoso: “Mi ha dato un pugno”