Secondo un’indiscrezione Silvio Berlusconi sarebbe disposto a volare a Mosca per convincere alla pace il suo vecchio amico Putin.

Un’indiscrezione pubblicata da The Spectator settimanale britannico del giornalista Nicholas Farrell che lavora dall’Italia ed è un professionista stimato molto vicino al presidente di Forza Italia. Farrel scrive: “Berlusconi è pronto a volare a Mosca per convincere Vladimir Putin a negoziare sulla pace in Ucraina. Solo lui può farlo. Il jet privato è già pronto a partire”.

Farrell prosegue dicendo che l’ex premier potrebbe raggiungere la Russia prima di Natale e che solo lui possa convincere il “suo vecchio amico” Putin in un possibile tavolo negoziale. Secondo il giornalista britannico il leader di Forza Italia vuole un accordo di pace. Nel caso in cui dovesse avere successo, Farrell parla di “canto del cigno politico” di Berlusconi.

Silvio Berlusconi
Silvio Berlusconi

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La risposta del Cremlino e la smentita di FI

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov replica alle indiscrezioni pubblicate sul The Spectator dicendo che semmai dovrebbe essere Zelensky ad essere attirato al tavolo delle trattative. “Il presidente Putin ha ripetutamente affermato che siamo sempre felici di accogliere qualsiasi sforzo in termini di mantenimento della pace e di sostenere tali sforzi” ha detto Peskov.

E continua dicendo che è meglio attirare il presidente Zelensky da qualche parte”. Oggi il coordinatore di Forza Italia ha smentito il contenuto dell’articolo in un’intervista a La Stampa. Sarebbe “falso” secondo quanto dice Tajani. “Non si va a Mosca così liberamente. Io in passato avevo detto che Silvio Berlusconi e Angela Merkel sarebbero stati dei buoni mediatori, magari in ambito Onu, vista la loro conoscenza personale con Putin, pur in una chiara collocazione atlantica. Ma questa proposta ormai è superata dai fatti”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 18-11-2022


Autonomia differenziata e la rabbia del Sud

Il piano di Schlein per rilanciare il Pd