Svolta antiproibizionista di Biden: grazia per tutti i condannati per possesso di marijuana. Biden: “Troppe vite sconvolte”.

Il leader Usa ha deciso, attraverso una legge federale, di graziare tutti i condannati per possesso di marijuana. Ma cosa c’è dietro questa decisione? Le sue parole: “Migliaia di persone che non riescono a trovare lavoro, casa o opportunità universitarie”. Joe Biden ha annunciato che di qui a breve, verranno riclassificate le cosiddette “droghe leggere”.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La decisione di Biden

Si tratta di una vera e propria svolta per combattere il proibizionismo e tutte le conseguenze negative che ne derivano. Nella giornata di ieri, il leader Joe Biden ha annunciato che firmerà la grazia per tutti i cittadini americani e residenti che sono stati condannati per possesso di marijuana da tribunali federali.

Le sue argomentazioni in merito a questa importante decisione: “Ci sono migliaia di persone che hanno precedenti per possesso di marijuana e non riescono a trovare lavoro, casa o opportunità universitarie” ha asserito Biden. Poi ha continuano rendendo nota la sua volontà di “aiutare ad alleviare le conseguenze collaterali di queste condanne”.

Droga

La decisione di Biden ha creato non poco scompiglio tra democratici e repubblicani, creando una vera e propria spaccatura. La lotta alla legalizzazione già da tempo è un tema ampiamente dibattuto, che prevede due schieramenti: coloro che sono favorevoli alla legalizzazione della marijuana, tra le altre cose per debellare la mafia e tutte le attività criminose relative allo spaccio clandestino.

E coloro che sono sfavorevoli al processo di legalizzazione, sostenendo a gran voce il fatto che comunque, per quanto classificata “droga leggera” la marijuana è pur sempre una droga. L’azione di Biden di “graziare” i condannati federali sarà emessa attraverso un processo amministrativo supervisionato dal Dipartimento di Giustizia.

“Come ho detto spesso durante la mia campagna presidenziale, nessuno dovrebbe essere in prigione solo per aver usato o posseduto marijuana. Mandare persone in prigione per possesso di marijuana ha sconvolto troppe vite. E incarcerato persone per comportamenti che molti Stati non proibiscono più”, ha dichiarato Biden.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 07-10-2022


“C’è il rischio di apocalisse nucleare”

Covid nuova ondata alle porte: boom di contagi