Biella concede la cittadinanza onoraria a Greggio e non alla Segre

Biella ci ripensa, cittadinanza onoraria a Liliana Segre

L’amministrazione leghista di Biella concede la cittadinanza onoraria a Ezio Greggio. Il riconoscimento era stato negato a Liliana Segre: “Proposta strumentale”. Il conduttore rifiuta.

Il caso Segre riparte da Biella. Negata la cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre, l’amministrazione (lighista) l’ha invece concessa a Ezio Greggio, noto conduttore televisivo. La notizia, diventata ovviamente di pubblico dominio, ha scatenato le polemiche e ha diviso l’opinione pubblica. E il caso ha assunto una portata maggiore dopo che il conduttore ha deciso di rifiutare il riconoscimento.

Liliana Segre
Roma 24/03/2018 – elezione del Presidente del Senato della Repubblica Italiana / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Liliana Segre

Biella concede la cittadinanza onoraria a Ezio Greggio, il conduttore rifiuta: “Il mio rispetto per la Segre mi spinge a fare un passo indietro”

La cittadinanza onoraria a Ezio Greggio è stata concessa dopo l’approvazione di una delibera di giunta. Il riconoscimento è legato, come specificato nelle motivazioni, al suo impegno sociale e al suo legame con la città natale, ossia Cossato, in provincia di Biella.

“Si conferisce a Ezio Greggio il titolo di Cittadino Onorario per la popolarità televisiva come conduttore, giornalista, attore e regista; per il suo costante impegno attraverso l’associazione “Ezio Greggio per i bambini prematuri”; per aver contribuito a diffondere in Italia e nel mondo il nome di Biella”.

Ezio Greggio ha deciso di non accettare il riconoscimento in segno di rispetto nei confronti di Liliana Segre.

“Il mio rispetto nei confronti della senatrice Liliana Segre, per tutto ciò che rappresenta, per la storia, i ricordi e il valore della memoria, mi spingono a fare un passo indietro e non poter accettare questa onorificenza che il Comune di Biella aveva pensato per me”.

Ezio Greggio
Ezio Greggio

Riconoscimento negato a Liliana Segre, polemiche sull’amministrazione leghista di Biella

Fino a qui nulla di strano, anzi. La polemica è legata al fatto che solo pochi giorni fa la stessa amministrazione aveva bocciato la richiesta di concedere la cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre. Si sono opposti alla proposta la Lega e Fratelli d’Italia, che avevano definito strumentale la proposta.

Il passo indietro del Sindaco di Biella: “Chiedo scusa, sono stato un cretino”

Intervenuto a Stasera Italia, il sindaco di Biella ha voluto chiedere pubblicamente scusa alla senatrice a vita.

“Io sono stato un cretino, lo ammetto, e chiedo scusa alla Segre e a Greggio, però su questa cosa è stata fatta una speculazione indegna da parte di tutti quanti e mi dispiace. Il risultato è stato negativo, ingiustamente. Una grandissima sciocchezza che è diventata una cosa nazionale. La signora Segre non ha bisogno che arrivi il sindaco di Biella a darle la cittadinanza, è un patrimonio dell’umanità e le chiedo ancora scusa. L’ho invitata anche a Biella per la Giornata della Memoria e non c’è nulla contro di lei”, ha dichiarato Claudio Corradino.

Cittadinanza alla Segre, Sesto San Giovanni dice no

Chiuso il caso Biella si apre il caso Sesto San Giovanni, con il Consiglio Comunale che ha deciso di bocciare la richiesta avanzata dal Movimento 5 Stelle e sostenuta anche dall’opposizione. Roberto di Stefano ha deciso di respingere la richiesta di concedere la cittadinanza onoraria a Liliana Segre in quanto non sarebbe collegata alla storia della città.

Sì alla cittadinanza onoraria alla Segre

Biella concederà la cittadinanza onoraria a Liliana Segre. Il consiglio Comunale è tornato sui suoi passi votando una nuova mozione votata all’unanimità da tutti i consiglieri.

ultimo aggiornamento: 26-11-2019

X