Scontro tra Salvini e Conte sul Salva-Stati. Il premier apre al confronto in tv: “Il ministro Gualtieri è a disposizione per un dibattito con il leader leghista”.

ROMA – Ennesimo scontro tra Salvini e Conte sul Salva-Stati. Nella giornata di lunedì 25 novembre 2019 abbiamo assistito ad un duello a distanza tra i due principali protagonisti di questa vicenda. Una situazione che potrebbe portare ad un duello in tv tra l’ex vicepremier e il ministro Gualtieri. Con quest’ultimo che è atteso in commissione Finanze per riferire sulla bozza di riforma.

Salvini accusa il premier Conte

La ‘miccia’ questa volta è stata accesa dall’ex vicepremier, Matteo Salvini, che ai microfoni di RTL 102.5 ha duramente attaccato il presidente del Consiglio: “Sul Salva-Stati il Parlamento diede l’incarico al signor Conte di dire di no. Ma forse il premier ha preso impegni in cambio di qualcosa anche se non è ancora chiaro cosa. Si tratta di un potenziale disastro che mette a rischio i risparmi degli italiani nelle banche“.

E sul significato di questa riforma precisa: “Si crea un organismo privato indipendente che può decidere a chi dare i soldi. Il timore è che si voglia salvare le banche tedesche con i nostri soldi. E noi non possiamo opporci perché il Parlamento non ha nessun ruolo“.

Matteo Salvini Bologna
fonte foto https://www.facebook.com/salviniofficial/

La replica di Conte

La replica del premier Conte è arrivata poco dopo ai microfoni di AdnKronos Live: “Siamo pronti ad un confronto televisivo con Salvini che sta dicendo tante falsità. Si tratta di una delle criticità più indigeste che siamo riusciti a superare con la versione attuale“.

E, nonostante i dubbi, il lavoro va avanti: “Noi procediamo serenamente. Il confronto sarà in Parlamento senza veti. Abbiamo scongiurato una ristrutturazione del debito e questo è fondamentale. Metto per iscritto che questo meccanismo servirà su richiesta, su base volontaria e non imposta“.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/salviniofficial/

Coronavirus, online la nuova autocertificazione


Violenza sulle donne, consigliere leghista: “Il 90 per cento delle denunce è falso”

Legge elettorale, l’apertura di Salvini al governo: “Se si vuole lavorare seriamente ci siamo”