Il calendario delle scadenze fiscali di novembre è sicuramente molto fitto. Andiamo a vedere le date da segnare in rosso.

ROMA – Il calendario delle scadenze fiscali (e non solo) di novembre è pronto. Sono diverse le date che devono essere segnate in rosso e andiamo a vedere nei dettagli quali sono.

Super Green Pass, tutte le regole per viaggiare a Natale

Bonus in arrivo, il calendario di novembre

Il primo appuntamento, come scritto da Sky TG24, è quello dell’aumento della revisione auto di oltre dieci euro. La crescita è prevista dal 1° novembre, ma si è deciso da parte del Governo di mettere a disposizione degli italiani un bonus di 9,95 euro e per questo incentivo sarà lanciata una piattaforma il 21 dicembre. Il 4, invece, gli enti potranno chiedere il Bonus sanificazione.

L’8 novembre è un’altra data da cerchiare in rosso. In questo caso, però, sarà reso noto l’elenco delle persone che usufruiranno del Bonus delle terme.

soldi euro
soldi euro

Scadenze fiscali, le prossime date

Il 2 novembre è prevista la scadenza di imposte sui redditi come l’Irpef. Giorno che è anche l’ultima data per poter pagare la quinta rata bimestrale del bollo.

Il secondo appuntamento del mese con il fisco è quello dell’8 novembre con il versamento dell’imposta di bollo sugli assegni circolari e la consegna del 730 integrativo. Si continua il 15 con la scadenza per poter emettere e registrare le fatture.

Il giorno successivo, invece, sono previste ben 147 scadenze e si tratta del giorno sicuramente più complicato visti i diversi soldi che dovranno essere sborsati. Si chiude il 30 novembre con la scadenza dell’invio delle dichiarazioni dei redditi e delle rate della rottamazione ter e del saldo e stralcio.

Si tratta di un mese sicuramente molto impegnativo per quanto riguarda le scadenze e si inizia, come detto già dal 2 per finire proprio l’ultimo giorno di novembre.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 30-10-2021


Auto a noleggio, chi paga le multe: le nuove regole

Formula 1, GP dell’Arabia Saudita: passo indietro sul dress code