Borse 17 maggio, listini Ue contrastati in questa prima seduta della settimana. Milano è la migliore nel Vecchio Continente.

MILANO – Borse 17 maggio. E’ stato un inizio di settimana contrastato per il Vecchio Continente. Il quadro pandemico in miglioramento potrebbe portare ad una spinta nei prossimi giorni, ma intanto la prima seduta è stata chiusa in rosso per quasi tutti i listini. L’unica a riuscire a chiudere in positivo è stata Milano.

A Piazza Affari gli occhi erano puntati su Generali che non registra particolari movimenti dopo l’invito di Caltagirone a riflettere sul futuro della compagnia. Movimenti anche in Mediobanca: Fininvest cede il 2% per 174 milioni di euro. La quota sarebbe stata acquistata da UniCredit.

Borse 17 maggio, Piazza Affari in positivo

La migliore di questa seduta è stata Milano. Piazza Affari al termine della giornata ha guadagnato lo 0,39%. In difficoltà, invece, tutti gli altri indici. Francoforte ha provato a perdere il meno possibile con un rosso dello 0,08%. Peggio hanno fatto sia Parigi (-0,28%) che Londra (-0,15%).

La giornata dei mercati si era aperta con un andamento contrastato in Asia. Le uniche a chiudere in rialzo sono state Shanghai (+0,78%) e Hong Kong (+0,48%), mentre Seul e Tokyo hanno perso rispettivamente lo 0,6% e lo 0,92%. Un trend che rischia di essere confermato anche nella seconda seduta della settimana con il rosso di Wall Street. Il Dow Jones ha perso lo 0,16% e il Nasdaq lo 0,38%.

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread sopra i 120 punti

Ritorna a salire lo spread. La chiusura del differenziale è avvenuta intorno ai 120 punti, con il decennale all’1,1%. Inizio della settimana stabile per l’euro. La moneta europea è passata di mano a 1,213 dollari in una seduta che non ha dato particolari scossoni.

Per quanto riguarda il petrolio, da registrare una giornata positiva. Il contratto Wti, in scadenza a giugno, ha guadagnato lo 0,9% a 65,99 dollari. Bene anche il Brent con un rialzo dello 0,8% a 69,24 dollari.


Confcommercio, nel 2020 crollo dei consumi di quasi 2mila euro a testa

Prezzi alti, Argentina sospende l’export di carne per 30 giorni